Saman Abbas: l’ultimo messaggio al fidanzato, audio da brividi

0
882

La vicenda di Saman Abbas, la pakistana scomparsa a Novellara, forse uccisa: l’ultimo messaggio al fidanzato, audio da brividi.

Saman Abbas (Facebook)

Aveva un fidanzato italiano e a quanto pare non voleva saperne di sposare con un matrimonio combinato un cugino in Pakistan: questo sarebbe il movente che avrebbe portato la famiglia di Saman Abbas a farla sparire e a ucciderla. Proseguono intanto le indagini e oggi Ikram Ijaz, il cugino della ragazza scomparsa nel nulla a Novellara, è stato estradato in Italia dalla vicina Francia.

Ti potrebbe interessare anche -> Saman Abbas: estradato dalla Francia il cugino

Col passare del tempo, i pochi dubbi che la ragazza sia stata rapita e uccisa si stanno dissipando per fare spazio a un quadro orrendo. Ormai è evidente che si cerchi solo il corpo della giovane e una conferma è arrivata anche oggi da Cristiano Desideri, comandante provinciale dei Carabinieri di Reggio Emilia.

Ti potrebbe interessare anche -> Saman Abbas temeva per la sua vita: le parole choc dello zio e della madre

L’ultimo audio di Saman Abbas al fidanzato italiano

Il militare ha evidenziato: “Stiamo effettuando delle ricerche in un’area verosimile per l’individuazione del corpo della ragazza. Non si può escludere che il video che è emerso sia un depistaggio dei familiari”. Quel che è certo, secondo quanto emerge, sono le paure della giovane che le potesse accadere qualcosa di tremendo. “Se non mi faccio sentire per più di 48 ore avverti le forze dell’ordine”, aveva infatti detto al suo fidanzato.

Ma perché quella frase? La trasmissione ‘Chi l’ha visto?’, in onda questa sera su Raitre, ha pubblicato sul suo profilo Facebook alcune anticipazioni della puntata. Tra queste c’è un audio che sembra sia l’ultimo messaggio da brividi che Saman Abbas avrebbe mandato al ragazzo che frequentava. “Ho sentito che dicono uccidiamola, una cosa del genere”, afferma la ragazza, che poi spiega come la madre l’avrebbe provata a tranquillizzare spiegandole che non era lei l’oggetto di quelle minacce. Da lì a poco della ragazza si perderanno le tracce.