Inghilterra-Croazia 1-0, guizzo di Sterling: Tabellino e Highlights

0
167

L’attaccante del City risolve in contropiede una gara bloccata. Zero tiri in porta per la Croazia

Inghilterra-Croazia: Tabellino e Highlights

Inghilterra-Croazia 1-0, Cronaca, Tabellino ed Highlights

Inghilterra-Croazia: Tabellino e Highlights – Prima partita del gruppo D di questi Europei, l’Inghilterra nel suo tempio sacro di Wembley e la Croazia vicecampione del mondo si affrontano per provare a conquistare subito il primo posto del girone. Quella inglese è la rosa più giovane, con tanti talenti in campo come Foden e Mount, già esperti in campo internazionale grazie alle loro rispettive squadre Manchester City e Chelsea. I croati sono da tempo tra le nazionali più promettenti, con il capitano Modric faro per i compagni e tanti giocatori che militano in Serie A, come Brozovic, Perisic e Rebic. La partita tra due squadre così blasonate comincia all’insegna di una lunga fase di studio, che nel corso dei minuti della prima frazione di gioco non andrà a spezzarsi neanche con il palo interno colpito proprio da Foden al 6′ minuto. Da quel momento in poi, con il rischio subito corso dalla difesa croata, non ci saranno però altre azioni da gol degne di nota, più per merito delle difese che per demerito degli attaccanti di entrambe le formazioni. Per Gareth Southgate Harry Kane non riesce a entrare subito in partita, isolato rispetto al resto della squadra, mentre la formazione di Zlatko Dalic preferisce sacrificarsi in copertura, piuttosto che affondare in avanti. Fino al 41′ non ci sono guizzi per nessuna delle due squadre, ma a pochi minuti dalla fine della prima frazione di gioco è un piazzamento completamente sbagliato da parte della coppia di centrali croati a costare la prima ammonizione della gara a Caleta-Car. Il calcio di punizione degli inglesi, calciato da Trippier dal limite dell’area di rigore, si infrange però sulla barriera e Sterling commette addirittura fallo di mano. Nel finale il gioco è più spezzettato e i ritmi sono più lenti, di fatto un sonnifero per quanto si era visto fino a quel momento in campo. Senza neanche un minuto di recupero, le squadre rientrano negli spogliatoi con le porte inviolate. L’Inghilterra si era comportata bene all’inizio, ma con il passare dei minuti si è fatta maggiormente sentire l’esperienza della Croazia, pur non sbloccando la gara nei primi 45 minuti di gioco. Da vedere se Southgate e Dalic saranno tentati di effettuare qualche sostituzione prima che le squadre tornino in campo per la seconda metà di gioco.

La ripresa

Al rientro delle squadre in campo non ci sono cambi, mentre al 48′ Kovacic viene subito sanzionato con un cartellino giallo per un intervento duro a centrocampo, il secondo della gara. La partita sembra essere ripresa seguendo lo stesso copione della prima frazione di gioco, ma è probabile che le formazioni di Southgate e Dalic possano da ora in poi osare di più, soprattutto sul fronte offensivo. Al 55′ un tiro dalla distanza costringe il portiere degli inglesi Pickford a un intervento in due tempi, ma segnare da queste distanze, anche con il riflesso ingannevole del sole che illumina una parte del campo di Wembley, resta un’impresa più che ardua. Al 57′ è però Sterling a illuminare la partita dell’Inghilterra, proprio sul ribaltamento di fronte, con una percussione centrale che sfrutta gli spazi liberati da Kane. Ottimo l’assist di Phillips, che intuisce perfettamente il taglio del suo compagno di squadra. I tre leoni passano così in vantaggio sui rivali croati, con Modric e compagni ora costretti a inseguire gli avversari nel punteggio. Si sblocca così una gara che, nonostante i talenti in campo, era dall’inizio impantanata in una posizione di stallo dalla quale non sembrava essere in grado di uscire. Nell’arco di un paio di minuti l’Inghilterra ha subito una nuova occasione, con un ottimo cross dalla fascia sinistra che favorisce l’inserimento in direzione del secondo palo di Harry Kane. L’attaccante manca l’impatto con il pallone, ma sembra alquanto serio il colpo ricevuto subito dopo la scivolata, nel tentativo di raggiungere il pallone, contro il palo. Soccorso prontamente dallo staff medico della sua nazionale, Kane riesce, pur a fatica, a rialzarsi. In questa fase la Croazia sta però correndo troppi rischi, dal momento che dovrebbe invece essere lei ad attaccare, nel tentativo di pareggiare e rimettere il match sul binario giusto. Anche il milanista Rebic, che gioca come punta centrale, ha la sua chance, ma il tiro è debole e impreciso, largo rispetto alla porta difesa da Pickford. Al 66′, sull’accelerazione del giocatore del Chelsea Mount, è l’interista Brozovic a spendersi un cartellino giallo, nel tentativo di fermare l’avversario quando era in netto ritardo sul recupero. Il calcio di punizione conseguente, tirato dallo stesso Mount, accarezza la traversa, facendo passare un brutto momento a Livakovic, che comunque sembrava aver seguito correttamente la traiettoria del pallone. A questo punto Dalic decide di inserire Brekalo, al posto di un impalpabile Kramaric, e  Vlasic al posto di Brozovic, entrambi al 70′. Southgate in quegli stessi minuti sceglie invece di richiamare in panchina Foden per fare spazio a Rashford. A dieci minuti dal triplice fischio dell’arbitro italiano Daniele Orsato anche il capitano Kane sarà sostituito, per fare spazio nel suo caso a Bellingham. L’ingresso dell’atalantino Pasalic nel finale non basterà a cambiare le sorti di una gara che la Croazia sarà costretta a perdere, anche per propri demeriti, per via delle zero conclusioni in porta procurate nel corso dei novanta minuti, più i cinque di recupero. Southgate può così congratularsi con i suoi per una vittoria, seppur di misura, proprio nella gara inaugurale di Wembley, davanti al suo pubblico.

 

Potrebbe interessarti anche: Russia-Belgio 0-3: doppietta di Lukaku dedicata ad Eriksen

Segui gli Europei su Twitter

 

Inghilterra-Croazia: Tabellino e Highlights

Reti: Sterling 57′

Inghilterra (4-2-3-1): Pickford, Trippier, Mings, Stones, Walker, Phillips, Rice, Sterling (Calvergt-Lewin 92′), Mount, Foden (Rashford 71′), Kane (Bellingham 82′).
Allenatore: Gareth Southgate

Croazia (3-4-2-1): Livakovic, Gvardiol, Vida, Caleta-Car, Vrsalijko, Kovacic (Pasalic 85′), Brozovic (Vlasic 70′), Modric, Perisic, Kramaric (Brekalo 70′), Rebic.
Allenatore: Zlatko Dalic

Arbitro: Daniele Orsato

Ammoniti: Caleta-Car, Kovacic, Foden, Brozovic

Espulsi: –

Highlights QUI