Francia-Germania 1-0, primo round a Deschamps: Tabellino e Highlights

0
862

Decide l’autogol di Hummels, ma Benzema e Mbappé fanno tremare Neuer. La difesa francese tiene nel finale

Francia-Germania: Tabellino e Highlights

Francia-Germania 1-0, Cronaca, Tabellino ed Highlights

Francia-Germania: Tabellino e Highlights – A Monaco scendono in campo le due squadre più attese, le ultime di tutto il tabellone del primo turno degli Europei. Da una parte la Francia campione del Mondo di Didier Deschamps, dall’altra la Germania di Joaquim Loew, allenatore ormai alla sua ultima esperienza in una grande manifestazione come C.t. Entrambe le nazionali hanno grandi aspirazioni e con i giocatori che possiedono tutte le carte in regola per poter arrivare fino in fondo. A poter trarre loro un tranello, un girone di ferro che le vede nel Gruppo F anche con l’Ungheria e soprattutto con i portoghesi campioni d’Europa in carica. La partita ripaga subito le aspettative, perché le grandi giocate fioccano, i ritmi sono alti e già al 20′ la partita si accende con l’autogol di Hummels, che con un intervento goffo non riesce a rispondere un cross forte di Lucas Hernandez. La Francia passa in vantaggio a metà della prima frazione di gioco, ma la Germania con giocatori come Mueller, Havertz e Gnabry non demorde di certo. La partita, che potrebbe essere benissimo una finale anticipata, sembra una riedizione del doppio confronto di Champions League tra Paris Saint Germain e Bayern Monaco, sebbene gli interpreti siano in buona parte diversi. Non nel caso del duello Mbappé-Neuer, che si ripete con regolarità. Il primo ammonito della gara è Kimmich, ma fondamentalmente anche se i falli non mancano, fanno tutti parte della trance agonistica che stanno vivendo entrambe le squadre in una partita importantissima che può decidere molto, sebbene sia solo la prima del torneo. A confronto anche i campioni d’Europa con il Chelsea Kanté e Havertz, avversari in nazionale, che dimostano subito quanto siano ispirati in questo finale di stagione, anche a giugno. La Francia si avvale della velocità di Mbappé e Griezmann, oltre che della tecnica di Pogba e Benzema, la Germania preferisce impostare l’azione ragionando, ma spingendo con costanza a sinistra con l’atalantino Gosens e centralmente con un attaccante forte fisicamente e di classe come Gnabry. Il primo tempo premia i francesi, anche se di misura, ma è probabile che nel secondo tempo i tedeschi possano dare filo da torcere agli avversari, se non altro per pareggiare i conti.

La ripresa

Nel secondo tempo l’approccio della squadra di Loew sembra infatti di tutt’altro avviso, anche se l’azione più pericolosa a inizio ripresa è un palo dello juventino Rabiot. Il centrocampista credeva inizialmente di essere in fuorigioco, ma poi con una valida percussione da sinistra è riuscito a stampare il pallone sul primo palo della porta difesa da Neuer, facendo correre un altro brivido al portiere della Germania e del Bayern Monaco. Da quel momento in poi le iniziative offensive saranno quasi sempre e solo tedesche, ma al 67′ è il guardalinee a dover intervenire per annullare un gol spaziale, ma irregolare per evidente fuorigioco, di Mbappé, che con grande maestria era riuscito a trovare il gol calciando sul palo lontano mentre era impegnato a trovare uno spiraglio tra tre difensori tedeschi. Al Germania rimane così in partita, sebbene la Francia abbia ancora una volta dimostrato una superiorità tecnica non indifferente. La squadra di Loew fa il suo in avanti, ma Varane e compagni anche nelle ripartenze avversarie riescono sempre a non farsi sorprendere, neanche quando sono in evidente controtempo. La Francia dalla sua può giocare anche schierata dietro la linea del pallone, perché con attaccanti come Benzema e Mbappé in avanti puoi attaccare sempre la profondità, sia sfruttando le sponde, sia la velocità nella ripartenza. Al 74′ il C.t della Germania decide allora di inserire Werner e Sane, nel tentativo di dare maggiore consistenza alla manovra offensiva, ma il risultato non è altro che l’esporsi ulteriormente al contropiede francese. Mbappé riesce addirittura a superare un difensore che era in ampio vantaggio, ma sull’intervento in area dello stesso e con l’attaccante che va a terra, l’arbitro Del Cerro Grande decide di non concedere nulla, considerando l’intervento nettamente sul pallone. Qualche dubbio di fronte al replay, ma evidentemente la squadra di arbitri alla Var non ha giudicato come chiaro errore la scelta del direttore di gara. La Francia rimane compatta anche negli ultimi minuti, continuando a fare il suo gioco propositivo senza rinunciare alla fase difensiva, talmente bene che il tecnico Deschamps si risparmia addirittura di fare cambi, non dando la sua squadra cenni di stanchezza. A sei minuti dalla fine un’altra grande azione costruita da Pogba e Mbappé favorisce il raddoppio di Benzema, ma nonostante la festa dei Blues il fuorigioco che viene poi riscontrato è netto. La Germania riprende subito il gioco, ma senza raccogliere gli esiti sperati, perché superare la difesa di questa Francia è davvero difficile. Nel finale è comunque assedio tedesco, con Deschamps che inserisce il solo Tolisso al posto di Benzema per spezzare il ritmo agli avversari, ma pur a fatica fino al novantesimo i francesi riescono a evitare che i tedeschi tirino in porta, salvando Lloris da eventuali pericoli. I sei minuti di recupero sono sei, ma il tempo non basterà alla squadra di Loew per evitare una pesante sconfitta, per quanto di misura. Il successo della Francia è comunque pienamente meritato. Poteva essere più ampio, ma una partita così sarebbe potuta finire tranquillamente anche in pareggio. A livello generale, la Francia sembra però avere una marcia in più.

 

Potrebbe interessarti anche: Spagna-Svezia 0-0: assedio iberico, muro scandinavo

Segui gli Europei su Twitter

Francia-Germania: Tabellino e Highlights

Reti: Hummels 20′ (A)

Francia (4-3-3): Lloris, Lucas Hernandez, Kimpembe, Varane, Pavard, Rabiot (Dembelé 94′), Kanté, Pogba, Mbappé, Griezmann, Benzema (Tolisso 88′).
Allenatore: Didier Deschamps

Germania (3-4-3): Neuer, Rudiger, Hummels, Ginter (Emre Can 87′), Gosens (Volland 87′), Kroos, Gundogan, Kimmich, Mueller, Havertz (Sané 74′), Gnabry (Werner 74′).
Allenatore: Joachim Loew

Arbitro: Carlos Del Cerro Grande

Ammoniti: Kimmich

Espulsi: –

Highlights QUI