Lunapop: chi erano, nomi dei componenti e successi

0
139

I Lunapop esplosero con “50 special” e vinsero premi di ogni tipo con un album pubblicato. Ecco chi sono i componenti e che fine hanno fatto.

I Lunapop nel 1999 hanno spopolato nelle classifiche italiane, e hanno fatto innamorare orde di ragazzine e hanno segnato un’epoca con la loro musica. Se le vicende del cantante Cesare Cremonini sono conosciute da tutti, data la sua fortunata carriera di solista, meno si sa degli altri componenti della band, scioltasi nel 2001.

Nicola Balestri era considerato insieme a Cremonini cil componente più apprezzato fisicamente del gruppo e certamente con i suoi rasta lunghi e biondi si notava nei video e sul palco. Era, tra i cinque, il bassista ed è quello che, dopo Cesare Cremonini, ha più di tutti conquistato i fan. Anche dopo lo scioglimento dei Lunapop, Nicola detto “Ballo” ha continuato a seguire Cremonini, accompagnandolo nei suoi lavori da solista.

Ballo è sempre presente ai concerti live di Cesare, in quanto membro della band che accompagna il cantante, e collabora alla composizione dei brani. In questi anni, oltre a continuare l’attività di bassista, Nicola si è anche diplomato in Giapponese e si è laureato con 110 e lode al Conservatorio di Rovigo. Si è iscritto inoltre all’Università di Bologna dove studia Lingue, mercati e culture dell’Asia.

Gli altri tre componenti dei Lunapop sono sempre stati meno conosciuti: Alessandro De SimoneGabriele Galassi e Michele Giuliani hanno contribuito al successo della band degli anni duemila, ma non hanno mai bucato lo schermo. Secondo alcune indiscrezioni, proprio il disequilibrio di notorietà tra Cremonini e gli altri componenti del gruppo è stata la causa del loro scioglimento improvviso nell’estate del 2001.

Evidentemente però Alessandro De SimoneGabriele Galassi e Andrea Capoti (che era il percussionista dei Lunapop nei live) non si sono mai persi di vista, perché dopo alcuni anni hanno deciso di formare il gruppo “Liberpool”. Nel 2009 hanno esordito con il disco “Lp”, che però non ha colpito particolarmente la critica. Sulla loro carriera è sempre pesata l’esperienza nei Lunapop, come un’ombra oscurante.

POTREBBE INTERESSARTI: Ennio Morricone: la Zecca dello Stato omaggia il grande compositore scomparso nel 2020

Dopo alcuni concerti nel 2010 sembra che i Liberpool non si siano più impegnati in nuovi dischi. Dopo quella breve nuova esperienza musicale, sembrano cadere nell’oblio e ritirarsi dalle scene.