Roby Facchinetti, l’inno di Euro 2020 simile a un suo brano – VIDEO

0
538

Post su Instagram di Roby Facchinetti, l’inno di Euro 2020 simile a un suo brano: la video sequenza dei due brani a confronto.

(screenshot video)

Tra Roby Facchinetti ed Euro 2020 c’è dell’assonanza? Nessuna battuta, ma semplicemente un sospetto che riguarda in particolare l’inno degli Europei. In sostanza, qualcuno avrebbe fatto notare all’ex Pooh che il brano in questione somiglierebbe a una sua canzone, pubblicata ovviamente qualche tempo prima. Il brano è “Fammi volare” tratto dall’album “Inseguendo la mia musica”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Roby Facchinetti: “Deve solo sparire”, l’ex Pooh è furioso – VIDEO

Il disco è stato pubblicato il 25 settembre 2020 e contiene il brano inedito “Fammi volare”, uscito una quindicina di giorni prima dell’album, una raccolta dal vivo con il meglio della produzione dell’ex Pooh. Domanda Facchinetti, per la verità senza insinuare peraltro troppi sospetti: “Sarei felice se mi esprimeste le vostre sensazioni al fine di capire se quanto segnalatomi vi appaia o meno fondato”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Roby Facchinetti, nuovo dolore: “Manchi tanto, amico per sempre”

La reazione dei fan di Roby Facchinetti alla sua richiesta sull’inno di Euro 2020

Come noto, l’inno degli Europei è stato composto dal noto dj Martin Garrix e interpretato da Bono Vox degli U2 insieme al chitarrista della band di Dublino, The Edge. La canzone è uscita a marzo di quest’anno come colonna ufficiale degli Europei di calcio. I fan di Roby Facchinetti in queste ore sul suo profilo Instagram si sono scatenati e sono in molti a sostenere che i due brani si assomiglierebbero.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Roby Facchinetti (@robyfacchinetti)

 

Insomma, i commentatori sembrano tutti o quasi dare ragione al cantante e sottolineano ad esempio: “Secondo me, sono praticamente uguali: c’è l’unica differenza (irrilevante) che l’inno degli europei e più veloce”. C’è chi sottolinea che “rasenta il plagio”, mentre altri discutono di sentenze che hanno riguardato la linea melodica dei brani, ovvero ogni brano può somigliare a molti altri. C’è poi chi si spinge oltre: “E la parte finale dopo quella che sembra il tuo brano è simile anche a Ringo Starr dei pinguini tattici nucleari, mi sa che per fare questa sigla hanno preso un po’ di qua e un po’ di la”. Chissà cosa avrà da dire Martin Garrix a proposito.