Bambino di due anni sparito nei boschi del Mugello

0
300

Bambino di due anni sparito nei boschi di una comunità isolata al Mugello. I genitori non l’hanno trovato questa mattina nel letto

bambino scomparso
Foto Vigili del Fuoco

Ore di apprensione da questa mattina al Mugello in Toscana per la scomparsa di un bambino di quasi due anni. Il piccolo vive con i genitori in una comunità isolata nei boschi, in località Campanara, nel comune di Palazzuolo sul Senio e sono stati loro questa mattina a denunciare la scomparsa ai carabinieri.

La sparizione risalirebbe alla scorsa notte al massimo le prime ore del mattino di oggi perché i genitori avrebbero riferito ai militari che quando si sono svegliati non l’hanno trovato nel letto. Prima l’hanno cercato nei dintorni poi hanno allertato i soccorsi.

Le ricerche sono partite immediatamente con carabinieri, Vigili del Fuoco e Protezione civile. A rendere difficili le operazioni è la collocazione del luogo della scomparsa, difficilmente raggiungibile. Si tratta infatti di una comunità composta da alcune famiglie a centinaia di metri di altitudine al confine con l’Emilia. L’unico modo per accedere è percorrere una strada sterrata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> DDL Zan, il Vaticano chiede al Governo Draghi di modificarlo: il motivo

Bambino di due anni sparito, intervengono anche i sommozzatori

Sommozzatori Vigili del Fuoco (Getty Images)

Sono intervenute anche squadre del soccorso alpino, droni e unità cinofile con i boschi che vengono scandagliati palmo per palmo. In zona c’è anche un laghetto nel quale hanno effettuato ricerche anche una squadra di sommozzatori dei Vigili del Fuoco. Sul posto è giunto anche il sindaco Giampiero Moschetti.

La prima ipotesi è stato un allontanamento volontario del bambino che vista l’età non sarebbe potuto andare troppo lontano ma con il passare delle ore e con le ricerche che ancora non hanno portato a nulla, cresce l’apprensione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Piera Maggio, il rimorso per il figlio Kevin: “Forse gli ho tolto qualcosa…”

Come ha ricostruito La Nazione, la comunità fu fondata a metà degli anni Ottanta da alcune persone che decisero di vivere in mondo alternativo dopo essere tornate da un lungo viaggio in India, lontano dalla modernità delle città e più a stretto contatto con la natura.