Piera Maggio, il rimorso per il figlio Kevin: “Forse gli ho tolto qualcosa…”

0
213

Piera Maggio ha parlato del rapporto con il primo figlio in questi anni così difficili per la scomparsa di Denise

Ogni volta che si parla della piccola Denise Pipitone ovviamente c’è anche la mamma Piera Maggio e del dramma che sta vivendo da 17 anni. La donna, però, non è solo la madre della piccola scomparsa da Mazara del Vallo ma anche di Kevin, il figlio maggiore.

Oggi a Mattino 5, il programma di Federica Panicucci su Canale 5, ha parlato del rapporto che ha avuto con lui e del suo percorso di vita ovviamente non semplice per via del caso di cronaca.

Denise era la sua “compagna di giochi” ha detto, che le è stata strappata. Ha compreso subito cosa fosse successo e ha sofferto molto. L’ha definito un ragazzo straordinario che ha dovuto subire tanto e ha avuto in destino una mamma costretta a lottare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Torre Annunziata, in sette lo aggrediscono perché gay

Pertanto la Maggio ha ammesso che forse qualcosa gli è stato tolto. Ha cercato di proteggerlo ma non sempre è riuscita nell’intento proprio perché presa dalla lotta che ancora oggi conduce per cercare di riabbracciare la figlia.

Piera Maggio: “Ci supportiamo a vicenda”

Parlare degli ultimi sviluppi della vicenda Denise è stata l’occasione per Piera Maggio per parlare anche del resto della famiglia. Oltre a Kevin la donna ha dedicato attenzione anche a Piero Pulizzi, il padre naturale di Denise.

Un uomo colpito due volte, sia per la scomparsa della piccola sia per il coinvolgimento (seguito dall’uscita dal caso) della prima famiglia, la moglie Anna Corona e la figlia Jessica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nuovi eroi: Carlo Santucci, chi è il giovane medico eroe per caso

Piera Maggio ha spiegato che i due si supportano a vicenda e che è sempre vicino a lei anche se non compare mai per una scelta ben precisa. Una vita difficile portata comunque avanti giorno per giorno. Non c’è serenità nelle loro esistenze, aggrappate alla speranze di rivedere Denise.