Ostia, 12enne imita i Maneskin e viene aggredito: “Gay schifoso”

0
106

Il giovane è stato preso di mira da un gruppo di 20 ragazzi che lo hanno insultato con frasi omofobe e poi lo colpito con delle uova. 

maneskin, victoria rivela che avevano cacciato damiano
Pascal Le Segretain/Getty Images

Dopo il loro successo all’Eurovision 2021, i Maneskin sono diventati una vera e propria icona del mondo della musica e delle nuove generazioni, in Italia come all’estero. Sregolati, irriverenti e talentuosi, il gruppo dei giovani artisti usciti da XFactor non perde occasione per far parlare di sé, cavalcando l’onda del successo e del consenso del pubblico. Pubblico che, specie tra i più giovani, li idolatra e cerca in tutti i modi di imitare la libertà di espressione che la giovane band propaga.

Leggi anche -> La vicenda di Sara Pedri, un’altra ginecologa racconta: “Nel 2012 ho vissuto la stessa cosa”

Nulla di strano, insomma, dato che in ogni epoca – ultimamente sempre più a distanze ravvicinate – ci sono personalità che vengono erse a modelli da seguire. Ed è proprio per somigliare ai membri della sua band preferita che un 12enne di Ostia ha deciso di truccarsi come loro per festeggiare l’ultimo giorno di scuola. Ma la cosa sembra non essere stata gradita da un altro gruppo di giovani coetanei che nello stesso momento si trovava presso i Parchi di Colombo per la stessa ragione.

12enne imita i Maneskin: aggredito e insultato

Il 12enne è stato così circondato da una ventina di ragazzi che dapprima lo hanno insultato con frasi come “gay schifoso” e poi lo hanno bersagliato con delle uova. I genitori della vittima hanno immediatamente sporto denuncia e le autorità competenti, grazie all’aiuto delle telecamere di sorveglianza della zona, sono riusciti ad individuare 2 dei ragazzi componenti del gruppo.

Leggi anche -> Elisa Campeol, il suo killer: “Sentivo una furia incontenibile”

Gli amici del giovane aggredito hanno commentato dispiaciuti l’accaduto, definendola “una pagina triste per la vita del quartiere”, e assieme ai genitori della vittima hanno deciso di lanciare un flash mob nel quartiere per sensibilizzare i giovani alla tematica dell’omofobia.