Denise Pipitone, l’indiscrezione: “Nuovi indagati nel caso”

0
326

Denise Pipitone, l’indiscrezione: “Nuovi indagati nel caso”. Il caso di Denise Pipitone non cessa di alimentare voci e sospetti

Narrare la vicenda di Denise Pipitone, la bambina scomparsa il 1 settembre del 2004 a Mazara del Vallo, diventa sempre più difficile, perché sempre più difficile è tentare di fare un pò di luce su una storia dove le ombre sono non soltanto prevalenti, ma avvolgenti e non lasciano filtrare nulla. Il rischio è di essere ripetitivi, di regalare soltanto parole che non producono nulla di concreto e non sono di ausilio a chi, da diciassette anni, tenta disperatamente di conoscere la verità.

Ti potrebbe interessare>>> Quarto Grado, lutto in trasmissione: morto Gian Gavino Sulas

“Quarto Grado”, la trasmissione di Rete 4 condotta da Gianluigi Nuzzi, ha riproposto la vicenda della bambina siciliana partendo dalle nuove indagini della Procura di Marsala. Nell’inchiesta della Procura si parla di alcune false testimonianze che coinvolgerebbero personaggi che si sono pubblicamente esposti all’interno della vicenda Pipitone. Prima fra tutte l’ex pm Maria Angioni, che qualche settimana fa dichiarò che Denise era viva ed anche madre di una bambina.

Oltre all’ex pm vi sono poi le dichiarazioni dei coniugi romani. Proprio la turista romana aveva rilasciato una dichiarazione nella quale asseriva di aver visto nella hall dell’hotel Ruggero II, in quel famoso 1 settembre del 2004, una donna che aveva con sé una bambina ed una voce che diceva: “Proprio qui la dovevi portare?”. Dalle indagini che sono scaturite da queste dichiarazioni è emerso chiaramente che la coppia, in quel famoso 1 settembre 2004, non si trovava a Mazara del Vallo, ma a Roma.

Ti potrebbe interessare>>> Denise Pipitone, Gaspare Ghaleb parla di Jessica Pulizzi

L’avvocato della coppia, Stefano Pellegrino, che è anche l’avvocato dell’altra persona accusata di falsa testimonianza, ovvero l’ex pm Maria Angioni, ha così giustificato la falsa dichiarazione della turista romana: “La moglie in pratica aveva realizzato un ricordo assolutamente non corretto”. La donna si sarebbe giustificata dicendo che questo suo grave errore era dovuto semplicemente al martellamento mediatico riguardante Denise Pipitone e la sua scomparsa. Da questo incessante martellamento mediatico era stata suggestionata.

L’unica indiscrezione che vorremmo ascoltare

Screenshot Piera Maggio
Screenshot Piera Maggio

Denise Pipitone l’indiscrezione che vorremmo tanto ascoltare non arriva mai. Soltanto una: Denise Pipitone è viva. Tutto il resto verrebbe dopo. Molto dopo. Sicuramente testimonianze come quelle rilasciate dalla coppia di turisti romani non aiutano alla risoluzione del caso. Forse anche il parlarne meno in alcune trasmissioni potrebbe aiutare, anche per non correre il rischio che si ripetano situazioni simili a quelle della turista romana che, suggestionata dalle troppe chiacchiere sull’argomento, ha rilasciato dichiarazioni prive di fondamento. Lo si faccia per rispetto nei confronti di Denise e di sua madre, Piera Maggio.