Laurent Simons: Laurea in Fisica a pieni voti a soli 11 anni

0
211

Laurent Simons: Laurea in Fisica a pieni voti a soli 11 anni. Le idee per il suo futuro sono già chiare, anzi chiarissime

Screenshot Laurent Simons
Screenshot Laurent Simons

In molti lo stanno tenendo d’occhio. Da un pò di tempo un bambino di 11 anni è sotto la lente d’ingrandimento di docenti e scienziati. Il motivo di tante attenzioni è presto detto. Laurent Simons, è un ragazzino belga-olandese di soli 11 anni che lunedì scorso è diventato Dottore per aver brillantemente conseguito la Laurea in Fisica presso l’Università di Aversa.

Ti potrebbe interessare>>> Maturità: scuola promuove ragazzo autistico, ma i genitori ne chiedono la bocciatura

A rendere ancor più straordinaria l’impresa del giovanissimo studente è il suo percorso di studi. Il ragazzino belga-olandese, infatti, ha terminato il triennale piano di studi in un solo anno e per di più conseguendo la lode. Da quel momento l’attenzione verso il bambino – prodigio è aumentata a dismisura. La Laurea in Fisica è soltanto l’ultimo tassello di una crescita culturale straordinariamente precoce.

Ti potrebbe interessare>>> Canada, orrenda scoperta: fossa comune di bambini vicino scuola cattolica

Già a poco più di otto anni Laurent Simons si era diplomato al liceo Saint-Jozef Humaniora di Bruges. Il giovanissimo neo – Dottore ha confessato che la Laurea appena conseguita gli ha regalato una “bella sensazione”, ma il titolo conseguito è soltanto un punto di partenza. Laurent vuole subito raggiungere la laurea magistrale e poi proseguire con il dottorato. Quello che impressiona del giovanissimo studente sono le idee chiare sul suo immediato futuro.

Tanti progetti nel cassetto e tanta voglia di attuarli. Tra questi queste occupa un ruolo primario la cibernetica. Laurent vorrebbe raggiungere un obiettivo straordinario, quello di riuscire a prolungare la vita attraverso lo sviluppo di organi artificiali che possano andare a sostituire organi naturali malfunzionanti all’interno dl nostro corpo. Soltanto l’averlo considerato come scopo finale dei suoi prossimi studi, all’età di soli 11 anni, fa intuire le altissime potenzialità cognitive del bambino belga – olandese.