Atterrati a Fiumicino gli eroi di Wembley: uno striscione ad accoglierli

0
78

Accolti dallo striscione “Grazie Azzurri”, i neocampioni d’Europa, gli eroi di Wembley, sono atterrati all’alba all’aeroporto romano di Fiumicino

(Screen video)

Il volo Alitalia, proveniente da Luton, che ha riportato in patria gli azzurri neocampioni d’Europa è atterrato all’aeroporto romano di Fiumicino alle ore 6.06. Cori e applausi quando il Ct Roberto Mancini e il capitano Giorgio Chiellini sono apparsi in cima alla scaletta dell’aereo: è stato il tributo dalle decine di operatori aeroportuali che si sono radunate sotto il velivolo per festeggiare i neocampioni, accolti da un maxi-striscione di Aeroporti di Roma che recitava “Grazie azzurri!” e da uno dei Commissari di Alitalia, Daniele Santosuosso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Italia-Inghilterra 1-1, l’Europa si tinge d’azzurro dopo i rigori: Tabellino e Highlights

Delusione per i circa 300 tifosi presenti per non essere riusciti a incontrare gli azzurri che hanno riportato in Italia il titolo continentale a 53 anni di distanza dal trionfo contro la Jugoslavia al replay. In maggior parte erano ragazzi con tricolori al seguito che hanno intonato canzoni come “I campioni dell’Europa siamo noi” e “Po po po po”, colonna sonora del trionfo iridato in Germania nel 2006.

Atterrati a Fiumicino gli eroi di Wembley: lo striscione “Grazie Azzurri” ad accoglierlo. Mattarella: “Hanno reso onore allo sport”

Foto ricordo e ringraziamenti a tutti gli azzurri, apparsi entusiasti e commossi, che, insieme allo staff tecnico, prelevati direttamente sottobordo dell’aereo, sono saliti sul pullman che, sotto nutrita scorta delle forze dell’ordine, li ha accompagnati all’Hotel “Parco dei Principi”, quartier generale azzurro nella Capitale. Anche qui ad attendere Chiellini, che è sceso dal bus con una corona in testa, e compagni un nutrito gruppo di tifosi.

POTREBBE INTERSSARTI ANCHE –> Wimbledon, amarezza per Berrettini: trionfa ancora Djokovic

“Grande riconoscenza a Mancini e ai nostri giocatori. Hanno ben rappresentato l’Italia e reso onore allo sport“. Così il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che oggi pomeriggio, insieme al Premier Mario Draghi, riceverà al Quirinale gli azzurri neocampioni d’Europa e Matteo Berrettini, l’altro quasi eroe della giornata di ieri, che è uscito a testa e con l’onore delle armi dallo scontro, nella finale di Wimbledon, il più prestigioso degli Slam, contro il numero 1 del mondo, il serbo Novak Djokovic.