Morti dopo il vaccino: 2 casi in poche ore, disposta l’autopsia

0
348

Si allunga la lista di morti dopo il vaccino: 2 casi in poche ore, disposta l’autopsia per capire se ci sia correlazione, cosa è successo.

(Amir Levy/Getty Images)

Saranno le autopsia a chiarire le cause del decesso di due persone, nelle Marche e in Toscana, morte a poche ore di distanza dalla somministrazione della dose di vaccino. In entrambi i casi, la locale Procura ha disposto l’esame autoptico sul corpo per chiarire se possa esserci una correlazione fra il vaccino e il decesso. Si tratta comunque di casi rarissimi a fronte di una campagna vaccinale che va avanti al ritmo di oltre 500mila dosi al giorno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Vaccino anti-Covid, 221 mila operatori scolastici senza nemmeno 1 dose

Inoltre, i virologi sono convinti che questa campagna massiccia di vaccinazione riesca a contrastare efficacemente sia i contagi che i decessi per causa del Coronavirus. Lo evidenziano anche i dati ufficiali: nel periodo che va dal 21 giugno al 4 luglio, il 75% dei casi di Covid-19 si è verificato tra coloro che non avevano ricevuto il vaccino, appena il 7% tra coloro che avevano completato il ciclo vaccinale. Se si guarda ai casi più gravi, la percentuale dei non vaccinati ospedalizzati è dell’82% e nel caso di terapia intensiva dell’85%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Covid, negli ultimi mesi ci sono ricoveri di non vaccinati e no vax

2 casi di morti dopo il vaccino: si chiede di fare chiarezza

Fatto sta che rispetto ai due casi che sono stati denunciati nelle scorse ore è giusto comunque che venga fatta chiarezza. Il vaccino è un farmaco e come ogni farmaco, in rarissimi casi, può far insorgere effetti collaterali gravissimi. Non dovrebbero dunque sorprendere quella manciata di casi di questo genere in una campagna di vaccinazione di massa, che vede l’Italia viaggiare oltre le 60 milioni di dosi somministrate.

Il primo caso viene denunciato nelle Marche, a Pollenza, piccolo comune nell’entroterra maceratese: qui è venuto a mancare un uomo, un barista di 53 anni, sposato e padre di tre figli. L’uomo si chiamava Paolo Ruffini e in paese era molto conosciuto per via della sua attività. L’allarme lo ha lanciato la moglie poiché non lo vedeva arrivare al bar, ieri mattina, come di solito. L’altro caso attenzionato in queste ore arriva dalla Toscana, dove una donna di 49 anni è stata rinvenuta morta dalla madre, nella sua abitazione di San Gusmè, frazione nel comune di Castelnuovo Berardenga, provincia di Siena.