Lutto in Uruguay: il difensore Williams Martínez è morto suicida

0
142

Williams Martínez, difensore del Villa Teresa in Uruguay, si è suicidato: dopo la tragica notizia il calcio del Paese sudamericano si è fermato per una giornata di riflessione. Il calciatore aveva giocato anche in Europa.

Williams Martínez si è suicidato
Credit: Twitter (@AUFOficial)

Un dramma improvviso ha scosso il calcio uruguaiano. Williams Martínez, difensore del Villa Teresa, squadra di Seconda divisione, si è tolto la vita all’età di 38 anni. I motivi che hanno portato il calciatore a compiere il gestro estremo non sono noti. A giungo aveva contratto il Covid-19 e si stava riprendendo dall’infezione. A dare il triste annuncio è stata l’AUF, Asociación Uruguaya de Fútbol, dicendosi profondamente addolorata e commossa per la tragedia. “Le nostre condoglianze ai suoi familiari e amici”, si legge nella nota.

La drammatica morte di Martínez è arrivata lo stesso giorno in cui in Uruguay ricorre la Giornata Nazionale per la Prevenzione del Suicidio. L’AUF in segno di lutto ha fermato tutti gli allenamenti e le partite del campionato, giunto all’undicesima giornata, deliberando un giorno di riflessione. Numerosi i messaggi di cordoglio, sia dalle squadre con cui il difensore ha militato durante la carriera, che dai calciatori che lo hanno conosciuto.

Ti potrebbe interessare anche -> La storia di Omar Daffe: chi è il calciatore simbolo dell’antirazzismo

Williams Martínez si è suicidato: la carriera del difensore uruguaiano

Williams Martínez era nato a Montevideo, in Uruguay, il 18 dicembre 1982. Essendo risultato positivo al Covid-19, nell’ultimo periodo non era impegnato con il suo club, il Villa Teresa, alle prese con il Torneo Apertura della Seconda Divisione del campionato uruguaiano. Nel corso della carriera il difensore ha militato anche in alcune squadre europee. Ha infatti giocato in Inghilterra, con il West Bromwich Albion, e in Francia, con il Reims e il Valenciennes. Con la maglia della sua nazionale ha collezionato una sola presenza, nel 2003, in occasione di un match contro l’Iran. L’apice della carriera lo ha raggiunto tra il 2003 e il 2008 con il Defensor Sporting, club di Montevideo, con circa 100 presenze e otto gol.