June McCamey di Vite al Limite: com’è diventata dopo la sua rivelazione

0
265

June McCamey, protagonista della quarta stagione di “Vite al Limite” nel 2016 pesava quasi 270 chili. Com’è ora dopo la sua rivelazione? 

June McCamey appare per la prima volta sullo schermo con ben 270 chili al programma di Real Time “Vite al Limite” nel 2016, nella quarta stagione. June all’epoca aveva 43 anni e viveva a Houston, in Texas.

La donna, dopo essersi separata con il suo ex marito ha ritrovato l’amore, ed è convolata a nozze con la sua fidanzata Mary. June proprio durante il programma capisce di essere attratta dalle donne, proprio come un’altra protagonista di “Vite al Limite” Destinee Lashaee. Destinee è nata maschio, ha lottato non solo con la sua identità di genere, ma anche con il suo peso. La sua famiglia sembrava molto poco solidale in quanto non erano d’accordo con la sua sessualità, ma al contrario sembra che la famiglia di June accetti la sua relazione con Mary.

June McCamey, si è affidata quasi completamente ai suoi figli per assisterla. La donna accumulava sempre più peso e questo l’ha portata praticamente a diventare inabile. Un evento che ha peggiorato la sua situazione è aver perso suo figlio Mack in una sparatoria. Il cibo era diventato quindi la sua unica consolazione, anche se mangiare era solo un momentaneo sollievo dal dolore. Tuttavia, si rese conto che sarebbe morta se avesse continuato questo stile di vita, quindi ha deciso di incontrare il dottor Younan Nowzaradan, determinato a perdere peso.

POTREBBE INTERESSARTI: Vite al limite, che fine ha fatto Cillas Givens: cosa fa adesso

June ha rivelato di aver ridotto il suo peso a 100 chili dopo il suo matrimonio con Mary. Era favolosa nel suo abito da sposa. Ovviamente, la moglie l’ha incoraggiata a continuare con l’esercizio e una sana alimentazione e ora porta una taglia 52, quindi un enorme miglioramento e una notevole trasformazione. June McCamey afferma: “Indossare questo vestito oggi mi fa sentire come se stessi davvero per iniziare la mia vita con Mary”.