Tu si que vales, lutto in tv: aveva commosso tutti

0
399

Tu si que vales, lutto in tv: aveva commosso tutti con la sua simpatia ed il suo indiscutibile talento

Screenshot Nerina Pieroni
Screenshot Nerina Pieroni

Forse l’ultima cosa che i suoi occhi hanno visto è stata la pianola che l’infermiera Cristina le aveva fatto portare nella sua stanza, all’interno della casa di riposo di Savignana. Ed osservando quella tastiera, con i suoi tasti bianchi e neri, l’avrà salutata come si saluta una compagna di vita. Nerina Pieroni se n’è andata così, lasciando un vuoto nella casa di riposo e addolorando tutti coloro che l’avevano conosciuta durante la sua esibizione nella trasmissione di Maria De Filippi “Tu si que vales“.

Ti potrebbe interessare>>> Andrea Paris vince Tú Sí Que Vales 2020: clamoroso fuorionda di Sabrina Ferilli

Era il mese di ottobre quando il pubblico scoprì il talento di questa professoressa di musica in pensione. La sua esibizione colpì profondamente tutti. Il tempo passato non aveva fatto dimenticare a Nerina come si suona il pianoforte. Le dita delle sue mani erano piume che, ora velocemente ora più lentamente, tenevano meravigliosamente il tempo scivolando leggiadre sui tasti bianchi e neri.

I tasti bianchi e neri, quante volte li avrà schiacciati, per mostrare ai suoi alunni, la meraviglia della musica. Le sette note l’hanno accompagnata fino all’ultimo giorno. Nella sua casa di riposo amava suonare per i suoi amici e per il personale che si prendeva cura di tutti loro. E quando l’infermiera Cristina le fece recapitare nella sua stanza una pianola, lei ci si avvicinò quasi timorosa.

Ti potrebbe interessare>>> Tu Sì Que Vales: Ludovica Leonardi incanta tutti

Poi quelle dita ricominciarono a schiacciare quei tasti bianchi e neri, la magia della musica riprese nuovamente il sopravvento e lei iniziò nuovamente a sognare. “E’ l’arte della vita, ci si nasce così. E poi ha l’arte di suonare”, così disse Maria De Filippi parlando di Nerina Pieroni. Quell’arte di suonare l’aveva appresa da piccola e l’ha accompagnata per tutta la vita. Forse l’ultima cosa che i suoi occhi hanno visto è stata la pianola. Ora la starà suonando da un’altra parte. Sicuramente starà suonando.