Techetechete non va in onda, sospeso il programma: ecco il motivo

0
281

Lo storico programma contenitore di Raiuno, Techetechete oggi 29 luglio non va in onda: ecco il motivo della sospensione.

(screenshot video)

Brutte notizie per i fedelissimi di uno dei programmi Rai di maggior successo durante l’estate: stiamo parlando di Techetechete, la trasmissione che raccoglie ogni sera una tematica diversa e fa rivivere la televisione che fu. In una delle ultime puntate, abbiamo rivisto coloro che arrivarono ultimi a Sanremo, mentre ancora più di recente ecco gli esordi di una serie di grandi artisti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Ultimi a Sanremo: da Tenco ai Negramaro, passando per Vasco Rossi

Stasera invece il programma di Raiuno, in onda dopo il telegiornale delle 20, è stato sospeso. Si tratta di una sospensione relativa a una sola puntata, per cui tutti i fan del programma possono dormire sonni tranquilli e risintonizzarsi con Raiuno domani sera alla solita ora. La trasmissione ha del resto uno share davvero interessante, nel corso delle varie edizioni. Si va dal 16% medio di un’edizione autunnale e primaverile fino a punte del 19% in alcune edizioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Una Rosa Blu: la delusione di Michele Zarrillo a Sanremo e il successo

Perché stasera Techetechete non va in onda?

Si tratta di un programma contenitore davvero seguitissimo e per tale ragione difficile da scalfire. Tanti sono gli affezionati che poi commentano, vanno a ricercare alcuni video nelle teche Rai e fanno le loro proposte agli autori del programma sui social network. Oggi comunque chi si sintonizzerà su Raiuno non vedrà la tradizionale trasmissione, sostituita per una sera da un grandissimo evento che aprirà la prima serata del principale canale nazionale.

Infatti, tra poco più di mezz’ora, in diretta dal Palazzo del Quirinale e in onda appunto su Raiuno, Rai Cultura proporrà un evento davvero imperdibile: il concerto del Maestro Riccardo Muti con l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, da lui fondata nel 2004. Verrà eseguita nell’ambito del G20 della Cultura, la Sinfonia n. 9 in mi minore scritta dal compositore boemo Antonín Dvořák, nel corso del suo soggiorno americano. Per una sera, dunque, possiamo anche rinunciare alle operazioni nostalgia.