Bologna, lutto nel basket: muore il giovane campione d’Italia con la Virtus

0
1195

A distanza di dodici anni dall’improvvisa scomparsa di Paolo Barlera la Virtus Bologna basket piange la fine di un’altra giovane vita, quella di Emanuele Pederzini

Emanuele Pederzini
Foto Getty Images

Bologna, la basket city per eccellenza vista la contemporanea presenza della Virtus e della Fortitudo, è costretta, a distanza di dodici anni, a vivere di nuovo la stessa tragedia. A Natale del 2009 la giovane promessa della Virtus Paolo Barlera perse la vita a causa di una leucemia.

Ad agosto 2021, precisamente la sera di sabato 8, il giovane Emanuele Pederzini, 25 anni, è morto in circostanza analoghe lasciando nei familiari, negli amici e nel mondo del basket felsineo un vuoto incolmabile.

E’ la stessa Virtus Bologna, attraverso i proprio account social, a diffondere la tragica notizia seguita a ruota dalla Veni Basket, la sua attuale squadra sul cui sito campeggia ancora fiero e forte come componente del roster dal campionato di Serie D regionale. Ma più passano le ore e più la tragica notizia compie il giro della capoluogo emiliano coinvolgendo tutti i club con i quali Pede ha avuto modo di giocare e di farsi apprezzare.

La tragica scomparsa di Emanuele Pederzini

Dalla Benedetto XIV Cento alla 4 Torri Ferrara passando per la PSA di Modena, la BSL San Lazzaro e Guelfo Basket tutti club che hanno avuto la fortuna di apprezzare la qualità cestistiche e umane del ragazzo.

Ragazzo che, a soli 17 anni, nel 2012, era diventato campione d’Italia Under 17 con la Virtus in squadra con Adam Pechacek ora centro del Karlsruhe nella Basketball-Bundesliga e titolare inamovibile della Nazionale della Repubblica Ceca. E soprattutto con Simone Fontecchio del Saski Baskonia l’ala piccola della Nazionale di Romeo Sacchetti che alla recenti Olimpiadi di Tokyo 2020 ha giocato un ruolo decisivo nell’ottimo percorso degli azzurri.

—>>> Leggi anche Marco Belinelli lascia l’NBA e torna alla Virtus Bologna: i motivi della scelta

Con tutti i ragazzi di quel meraviglioso gruppo da Largo a Serravalli, da Tassinari a Consolini Emanuele Pederzini aveva conservato un legame stretto e profondo. Ne sono la riprova le migliaia di messaggi social che da ieri attraversano la rete.