Oms: confermato il primo caso di contagio da virus di Marburg

0
190

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha confermato il primo caso di virus Marburg in Africa occidentale. Il contagio è stato confermato dalla Guinea. Il virus appartiene alla famiglia dell’Ebola.

(Photo by Ajpek Orsi/Getty Images)

Dalla Guinea arriva una notizia che richiama all’attenzione le autorità sanitarie mondiali, non per portata ma per l’avvento di un nuovo virus. L’Oms afferma la presenza del virus di Marburg, confermando il primo caso di malattia in Africa occidentale. L’organizzazione avverte tramite il dottor Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’Oms per l’Africa che “Il potenziale del virus di Marburg di diffondersi in lungo e in largo significa che abbiamo bisogno di fermarlo seguendo le sue tracce”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, OMS: “Non è finita: all’orizzonte nuove e pericolose varianti”

Il caso è stato rilevato su un uomo in Guinea dalle autorità nella prefettura meridionale di Gueckedou. La malattia ha colpito un uomo, deceduto lo scorso 2 agosto, che aveva mostrato i primi sintomi il 25 luglio. Il dottore ha poi spiegato, come riporta l’Agi, che “Questa è la prima volta che il virus di Marburg, una malattia altamente infettiva che causa febbre emorragica”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid: il mondo ripiomba nella paura di una nuova ondata

La malattia appartiene alla famiglia del virus Ebola, una malattia che ha devastato l’Africa e che negli ultimi anni ha ritrovato una grande concentrazione di casi, prima che la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità affermasse la fine della seconda epidemia di Ebola nel paese. In quel caso i morti erano stati 12. L’Oms classifica al momento il virus Marbug una minaccia alta a livello nazionale e regionale ma bassa a livello internazionale, e ha inviato nel Paese una equipe specializzata per fronteggiare il virus e supportare le strutture sanitarie del luogo. Il virus di Marburg spiegano, può essere trasmesso dai pipistrelli frugivori all’uomo e il contagio avviene tramite il contratto diretto con fluidi corporei delle persone infette. I sintomi principali sono: febbre alta e fortissimi mal di testa. Il tasso di mortalità si aggira tra il 24% e l’88%.