Morto Gino Strada: il fondatore di Emergency stroncato da un malore

0
406

Gino Strada è morto improvvisamente all’età di 73 anni: il fondatore di Emergency stroncato da un malore, aveva problemi cardiaci.

(screenshot video)

Un dramma ha colpito il mondo del volontariato e del terzo settore del nostro Paese: si è spento improvvisamente all’età di 73 anni Gino Strada. Il fondatore di Emergency, insieme a sua moglie Teresa Sarti, deceduta nel 2009, sarebbe stato stroncato da un infarto. La notizia è stata data dal Corriere della Sera e subito rilanciata da diverse agenzie.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Scoperta la variante giapponese del Covid: può rendere inefficaci i vaccini

Proprio oggi era uscito il suo ultimo articolo, per il quotidiano ‘La Stampa’, in cui il noto medico nato a Sesto San Giovanni aveva parlato della situazione in Afghanistan, dove i talebani hanno ripreso il controllo di parte del Paese e in particolare della città di Herat, un tempo “sede” del contigente italiano subito dopo l’attacco alle Twin Towers.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Milano: 20enne si presenta il palestra con il Green Pass falso

Chi era Gino Strada: morto il fondatore di Emergency

Pacifista convinto e ateo, sebbene di formazione cattolica, laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università Statale di Milano nel 1978 e quindi specializzato in Chirurgia d’Urgenza, Gino Strada è stato figura davvero di fondamentale importanza nella sinistra italiana, soprattutto per quanto concerne il ruolo di questa nella società civile. Amico del noto prete di strada Andrea Gallo, qualche anno fa sostenne di non recarsi alle urne da decenni.

A partire dalla fine degli anni Ottanta, il suo lavoro di medico si indirizza verso la chirurgia traumatologica e la cura delle vittime di guerra. Collabora con il Comitato internazionale della Croce Rossa e lavora in diverse zone di guerra, dal Pakistan all’Afghanistan, dalla Somalia alla Bosnia ed Erzegovina, fino ad alcuni Paesi del Sud America. Con Emergency, contribuisce a campagne importanti per la riabilitazione delle vittime della guerra e contro le mine antiuomo. Da metà anni Novanta, Emergency ha fornito assistenza gratuita a milioni di pazienti in molte parti del mondo. All’interno dell’associazione umanitaria, un ruolo importante viene assunto dalla figlia Cecilia, nata nel 1979.