Covid, Matteo Bassetti incalzato: pesanti accuse al medico

0
244

Emergenza Covid, il professor Matteo Bassetti, del Policlinico San Martino di Genova, incalzato sui vaccini: “Parla dei morti…”.

(Instagram)

L’infettivologo del San Martino di Genova, Matteo Bassetti, è sicuramente uno dei medici che ‘grazie’ alla pandemia di Coronavirus ha ottenuto una certa celebrità mediatica e oggi il suo profilo Instagram è ad esempio seguito da decine di migliaia di follower. Si potrebbe definire a tutti gli effetti un influencer della medicina e nella giornata di oggi ha fatto sentire la sua voce.

Ti potrebbe interessare –> Matteo Bassetti sotto scorta: le minacce dei No VAX potrebbero rivelarsi pericolose

“Che bello tornare in reparto e trovare tutto che funziona come un orologio svizzero” – ha scritto infatti su Instagram – “Il magico ‘Dream team’ non tradisce mai”. Bassetti ha poi fatto un importante annuncio: “Abbiamo continuato a utilizzare i monoclonali con almeno 3-4 accessi al giorno e la Liguria si conferma la prima regione italiana per utilizzo per numero di abitanti”.

Ti potrebbe interessare –> Matteo Bassetti: “Mi piace piacere”. Chi è la moglie dell’infettivologo

L’attacco a Matteo Bassetti sul vaccino contro il Covid e i suoi effetti collaterali

Ancora una volta, il medico infettivologo ha voluto ribadire un concetto che anche altri suoi colleghi hanno tenuto a ribadire in questi giorni, ovvero che calano i ricoverati e questi sono in particolar modo 50enni che hanno rifiutato di vaccinarsi. “Mi auguro che a forza di ripeterlo capiranno che non vaccinandosi stanno facendo io loro male e quello del sistema sanitario”, spiega il medico che quindi ringrazia tutti coloro che anche ad agosto si danno da fare negli ospedali.

Ma oltre ai medici si danno da fare anche i critici del vaccino, poco importa che siano no vax integralisti, dubbiosi e di categorie affini. Le domande che vengono poste sono sempre quelle: “Ma dei morti dopo il vaccino per complicazioni cardiache ed embolia, prof. Bassetti non ne parla?”, si chiede una utente e un’altra la sostiene: “No, meglio tacere”. Al lavoro, insomma, ci sono non solo i medici e tutto il personale sanitario, ma anche coloro che non perdono occasione per polemizzare.