Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin è stata operata

0
162

Giovedì 19 agosto è stato un giorno importante nella vita di Giorgia Soleri, la fidanzata di Damiano dei Maneskin, ecco perchè.

Giorgia Soleri

La quotatissima modella e fidanzata di Damiano David dei Maneskin, Giorgia Soleri, 25 anni lo scorso 3 gennaio, ha vissuto giovedì 19 agosto un giorno importantissimo della propria esistenza. Dopo oltre dieci anni di sofferenza, infatti, è riuscita a risolvere un problema di salute molto grave e molto importante.

E’ stata la stessa Soleri, attraverso un post comparso sul suguitissimo account Instagram, oltre trecentosessantamila followers, a spiegare l’accaduto. “Ho aspettato tanto questo momentoscrive sul popolare social networkda quanto è arrivata la diagnosi di endometriosi e adenomiosi”.

Giorgia Soleri ha sconfitto l’endometriosi e l’adenomiosi

Ma di cosa si tratta e cosa è successo? Endometriosi e adenomiosi, come spiega il sito del Ministero della Salute, sono malattie femminili, invalidanti, che colpiscono circa il 15% delle donne italiane. Le patologie di cui era sofferente la Soleri causano dolori mestruali molto superiori alla norma uniti a difficoltà di concepimento. Il solo modo per risolverle è l’intervento chirurgico ed è quello a cui si è sottoposta la modella.

Giorgia Soleri, racconta nel post, di aver vissuto sette anni di inferno dalla prima mestruazione ai 21 anni quando, un importante centro specializzato, le ha diagnosticato il problema. Da allora un calvario di terapie, diagnosi e attese. “Per anni – prosegue la modella nel post dove racconta, con una foto del braccialetto ospedaliero, la sua odissea – sono stata trattata da bugiarda e ipocondriaca”.

—>>> Leggi anche Damiano dei Maneskin: la malattia della fidanzata Giorgia Soleri

La fidanzata di Damiano David ha tenuto a descrivere il suo internvento e la sua malattia per due motivazioni di fondo. La prima dare una testimonianza dirette e diffondere informazioni su questa malattia “silente” che coinvolge solo in Italia tre milioni di donne. Il secondo “provare a riprendermi una vita senza dolore”. Una vita che, spiega con grande coraggio e lucidità a causa del dolore “per troppo tempo non ho vissuto”.