Pensionati morti di Covid: non erano vaccinati, le parole dei figli

0
170

Covid, pensionati morti: i figli sono pentiti della scelta fatta e avevano detto ai genitori di aspettare prima di vaccinarsi

All’ospedale Santo Stefano di Prato una coppia di coniugi 68enne sono morti causa Covid a un giorno di distanza, l’11 e il 12 agosto. Non erano vaccinati per il timore degli effetti collaterali ed anche i figli era d’accordo con questa scelta che hanno avallato, ma che ora rifiutano.

Dicevano di aspettare per fare il vaccino ma purtroppo non c’è stato tempo. Hanno combattuto contro il Coronavirus per una settimana, poi hanno ceduto. Al Giorno uno dei figli ha raccontato di non sapere se nel corso del ricovero avevano cambiato idea perché erano intubati e da quando avevano messo piede in ospedale non è riuscito più a parlare con loro.

Questa storia non è certamente l’unica di persone che non hanno voluto sottoporsi al vaccino o per convinzione o per paura degli effetti collaterali, soprattutto da quando c’erano stati dei casi di trombosi. E non è neanche l’unica di pentimento per non aver fatto prima il vaccino, ma ora purtroppo non c’è più modo per tornare indietro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Omar Palermo, morto il noto youtuber: la drammatica conferma

Pensionati morti i Covid, i figli: “Ci vaccineremo”

covid, unica dose di vaccino ai guariti
Credit: Antonio Masiello/Getty Images

I due figli, di 36 e 45 anni, hanno contratto anche loro il virus. Loro però possono ancora rimediare e hanno infatti deciso di vaccinarsi e non incorrere ancora nello stesso errore che per i loro genitori si è dimostrato fatale. “Ci vaccineremo”, hanno detto, “questo virus è terribile, ora siamo increduli e scossi“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> In netto calo il gradimento di Biden negli Usa

Intanto secondo l’ultimo bollettino diffuso ieri nelle precedenti ventiquattr’ore in Italia sono 7260 i contagi, 55 i morti, e 5465 i guariti. Su 206.531 tamponi analizzati, il tasso di positività ha registrato un aumento del 0,4% salendo a quota 3,5%. È in aumento anche il numero dei ricoverati in terapia intensiva che segna un + 18 rispetto al giorno precedente e + 68 anche per i ricoverati in area medica.