Torino-Atalanta, dove vederla. Missione da Dea

0
87

Contro i Granata dell’allievo Juric il Gasp tenta il colpo in trasferta. Musso e Demiral tra le novità bergamasche

Torino-Atalanta, dove vederla

Torino-Atalanta, dove vederla

Torino-Atalanta, dove vederla- La missione scudetto è appena cominciata. L’Atalanta di Gian Piero Gasperini dopo un’altra grande stagione punta al massimo risultato in campionato, al quale si aggiunge una nuova partecipazione alla Champions League, la massima competizione europea. Per l’esordio nella Serie A 2021-22 ci sarà in trasferta il Torino dell’allievo Ivan Juric (diretta tv dalle 20:45 su Dazn). Una sfida non semplice, se il Toro sarà in grado di dimostrare di aver già cambiato volto rispetto agli ultimi campionati. Con il Croato i Granata dovrebbero essere molto più solidi in difesa e ritrovare incisività anche in attacco. A ogni modo la Dea sa come dare il proprio meglio e anche in questa stagione ci sia aspetta che le reti siano tante. Se Zapata è infortunato e ancora in dubbio per le voci di mercato che si susseguono, nonostante le tante che siano circolate attorno a Ilicic, lo sloveno ci sarà ed è pronto a colpire sin da subito le difese avversarie. Compagno di reparto il temibile Muriel, mentre l’unico dubbio di formazione per il Gasp sarà lo scegliere uno tra Malinovskyi e Miranchuk. Le scelte sono un po’ obbligate, come è normale ad agosto, anche se saranno subito della causa il portiere Musso e il difensore centrale Demiral, che non dovranno far rimpiangere Gollini e soprattutto Romero, dopo una stagione eccezionale per l’argentino, nella quale è riuscito a fronteggiare e neutralizzare dei colossi d’area di rigore come Ibrahimovic e Lukaku. Il Torino non avrà più Sirigu, ma a difendere i pali c’è il gigante Milinkovic-Savic, fratello del centrocampista della Lazio. Chiavi del centrocampo affidate invece a Mandragora, mentre il capitano Belotti sarà in dubbio fino all’ultimo. Per entrambe le squadre al momento della verità non conteranno quindi le sirene del calciomercato, ma solo quanto si può fare in campo. Lo ha detto chiaramente Gasperini nella conferenza stampa della vigilia per quanto riguarda il trequartista sloveno. «Che parta o meno, deve essere al top della condizione. Voglio poter contare su di lui fino a quando indosserà questa maglia».

Così in campo

Le probabili formazioni di questa sera, al netto di assenti, squalificati, infortunati e non convocati, saranno così riadattate per ottenere comunque il massimo risultato e cominciare bene la nuova Serie A. I padroni di casa con il 3-4-3. Davanti all’ex portiere di riserva passato titolare, Rodriguez, Djidji e Bremer. In mediana Lukic e Madragora, fiancheggiati da Aina a sinistra e Singo a destra. In avanti se Belotti sarà in condizione, i suoi compagni di reparto saranno Pjaca e Linetty, altrimenti spazio a Sanabria. I bergamaschi risponderanno con il medesimo modulo, con Palomino, Deiral e Djimsiti davanti a Musso, mentre a centrocampo la strana coppia Pessina-Pasalic dovrà fare le veci dei titolari Freuler e De Roon. Sulle fasce Maehle e Gosens, con il primo che andrà ancora una volta a sostituire Hateboer, costretto a un’operazione chirurgica al piede che lo terrà fuori dal campo almeno tre mesi. Muriel al centro dell’attacco per essere prolifico anche da titolare, con Ilicic che sarà spalleggiato, come detto, o dal russo o dall’ucraino. Appena prima del Covid, a gennaio 2020, finì 7-0 per la Dea con una della quattro triplette in A del gioiello sloveno. Difficile possa avvenire lo stesso anche questa sera. La sfida sarà molto più in salita per il Toro, anche se gli atalantini hanno molto più da perdere, perché la corsa allo scudetto non consente passi falsi.

 

Potrebbe interessarti anche: Italia-Bielorussia 3-0: le Azzurre dominano

Segui gli aggiornamenti della Serie A su Twitter