Volley, Italia-Slovacchia 3-1, terzo successo per le Azzurre: la cronaca

0
115

Un’altra vittoria per le ragazze di Mazzanti. Qualche errore di troppo, ma rimangono a punteggio pieno

Italia-Slovacchia, la cronaca

Italia-Slovacchia, la cronaca

Italia-Slovacchia, la cronaca

Italia-Slovacchia, la cronaca- L’Italvolley femminile è a punteggio pieno dopo le vittorie nette su Bielorussia e Ungheria. Terza sfidante delle Azzurre in questo europeo le Slovacche del C.t. italiano Marco Fenoglio. Una squadra che prova a farsi valere nel contesto internazionale, anche se in questo torneo ha finora rimediato solo due sconfitte, rischiando l’eliminazione dalla competizione. Il coach della Nazionale Davide Mazzanti conferma le giocatrici schierate fino a questo momento, con Egonu opposto Sylla sul fronte offensivo, Chirichella centrale e Orro alzatrice, oltre a rinnovare la fiducia a Pietrini, che si sta rivelando match dopo match la più in forma delle azzurre.

Primo set

Partenza timida, contratta e a anche fallosa da parte delle azzurre, con gli errori che sono molto frequenti. Tuttavia le slovacche non riescono ad approfittarne nel punteggio, tanto che il match rimane nel primo parziale molto in equilibrio, almeno fino al 14-14. Sylla è però capace di trasformare ogni pallone in un punto prezioso, più concentrata del solito dopo aver ricevuto alcune critiche nei giorni scorsi. L’Italia si porta così avanti di quattro punti, sul 21-17. Con altre due giocate vincenti le azzurre si ritagliano la prima occasione per vincere il set, sul 24-18. C’è il cambio palla, in occasione di quello che sarà il dodicesimo errore diretto nel set. Una statistica interessante, se si pensa che nonostante tutto la Nazionale sia comunque avanti di cinque punti. Chirichella chiude il punto e il set con un’ottima presenza a rete, spiazzando le avversarie. L’Italia si porta sull’1-0 ma nel secondo parziale dovrebbe provare a ridurre il numero di imprecisioni. Troppo passiva la Slovacchia nel permettere alle Azzurre di sbagliare così tanto e vincere lo stesso il set.

Secondo set

Nel secondo parziale l’Italia si riconferma non al massimo della condizione, con una prestazione discontinua, ma il divario tecnico garantisce comunque alle Azzurre di non incontrare troppe difficoltà e andare comunque avanti nel punteggio. In particolare Paola Egonu non viene sfruttata nelle alzate di Orro al massimo del suo potenziale. Il feeling con l’alzatrice per la campionessa italiana di Conegliano è ancora tutto da costruire, sebbene la prossima partita sia già quella per la conquista del girone contro le Croate che sono a punteggio pieno. Faticano nel frattempo le slovacche, che non riescono a superare il muro azzurro né con Sunderlikova, né con Zernovic. Meglio le fast di Hrusecka e la pipe di Fricova. Nella seconda parte del parziale è proprio Egonu però a far sentire il peso delle sue schiacciate, con un doppio punto rimediato in pochi secondi. Le Azzurre si portano così sul 17-12. In ricezione sa fare la differenza anche il libero Monica De Gennaro, sempre precisa negli interventi, soprattutto sul servizio delle slovacche. Più imprecisa Gennari, ma le ragazze di Mazzanti comunque non faticano a rimanere avanti nel risultato. Sul 24-18 arriva così un altro set point. Le azzurre sfruttano la prima occasione utile e chiudono anche il secondo set a loro favore, ritagliandosi un vantaggio di due parziali a zero sulle rivali.

Terzo set

In prospettiva, quando anche il livello delle squadre da affrontare si alzerà, le Azzurre dovrebbero però provare a trovare maggiore costanza nella prestazione, limitando al massimo gli errori già contro la Croazia. Il terzo parziale contro le slovacche inizia come fosse un rodaggio per l’Italvolley. Fenoglio prova a rispondere tentando una rimonta disperata e confermando le giocatrici che gli hanno dato miglior riscontro, come per esempio Zernovic. La Slovacchia va subito in vantaggio nel terzo set, ma Orro è molto brava a favorire il punto di Danesi e pareggiare subito. A seguire è Paola Egonu a sosprendere le avversarie con un pallonetto, una soluzione che spesso la giocatrice di Conegliano riesce ad alternare bene alle schiacciate basate unicamente sulla potenza. In questa fase è però Kriskova a mettere in difficoltà la seconda linea azzurra, con le slovacche che ora sembrano tenere nel punteggio, impedendo la fuga delle avversarie. Chirichella è però molto brava a presidiare la rete, facendo qualche punto a muro anche in solitaria. Malizia da centrale vera. Kohutova riesce però a penetrare nella difesa azzurra, troppo fuori posizione Sylla. Subito dopo anche un ace per le slovacche, così il set rimane in equilibrio sul 9-9, senza che nessuno dei due sestetti riesca a prevalere. L’Italia riesce ad alzare il livello soprattutto con qualche alzata brillante di Orro, che favorisce il primo tempo di Danesi, che schiaccia il pallone sul lungo linea. Le Azzurre continuano però a essere discontinue, con troppi errori soprattutto in fase offensiva. Le giocatrici di Fenoglio si portano così avanti sul 13-10. Punto dopo punto le Azzurre sembrano improvvisamente perdere le loro convinzioni, con la Slovacchia che rimane avanti fino al 17-14. Il cambio tempo favorisce però Chirichella e compagne, che accorciano poco dopo. Arriva il pari grazie a un muro molto importante di Sylla su Kriskova, spezzando il ritmo delle slovacche. Il momento di vera difficoltà per l’Italia arriva però sul doppio set point per la Slovacchia, anche se le azzurre rimontano. Sul 24-24 Chirichella però sbaglia il servizio, con il parziale che va così avanti a oltranza. Sul 27-25 sono però le slovacche a concludere il set a loro favore, con le Azzurre che dovranno provare a chiudere il match nel quarto.

Quarto set

La partita riprende in perfetto equilibrio, con lunghi scambi ingaggiati da parte delle due squadre. In questa fase è proprio Egonu a ripristinare il vantaggio per l’Italia, sebbene dop l’ace arrivi anche l’errore al servizio dell’Azzurra. Allo stesso modo è però Sylla a spingere bene dalla sinistra con qualche schiacciata imprendibile. Tra errori e punti ben giocati, le ragazze di Mazzanti conservano un piccolo vantaggio di due punti. Non mancano in questa fase anche errori banali, dipesi soprattutto da una sintonia non sempre perfetta tra le giocatrici azzurre. Kriskova, come le sue compagne, fatica però a mettere giù palloni e raccogliere punti, perché il muro di Danesi è il più delle volte molto efficace e quasi impenetrabile. In questo modo l’Italia si porta avanti di cinque punti, sul 12-7. Le Azzurre sono in vantaggio, ma devono riuscire a essere meno fallose. Meglio in copertura, neutralizzando gli assalti delle avversarie, che precise al momento di chiudere i punti. A ogni modo, grazie anche a una grande prestazione di Danesi, la squadra di Mazzanti si avvia veloce verso la conquista della partita, sul risultato di 22-15, quindi con un vantaggio di sette.        

Potrebbe interessarti anche: Roma-Fiorentina 3-1: doppietta di Veretout

Segui gli aggiornamenti degli Europei di Volley su Twitter:

Italia-Slovacchia Tabellino e Highlights

Risultato: Italia b. Slovacchia 25-19, 25-18, 25-27, 25-17

Highlights QUI