Denise Pipitone, lutto per la mamma Piera Maggio

0
828

Denise Pipitone, la mamma ha annunciato via social che è stata colpita da una grave perdita: tra pochi giorni anniversario della scomparsa

Piera Maggio, si scaglia contro gli account fake e gli hater su Facebook (Foto dal web)

“Non c’è età che tenga per l’amore dei figli per i genitori Ciao papà, RIP”. Con questo messaggio Piera Maggio sui social ha annunciato la morte del padre. Tra pochi giorni saranno 17 anni che la piccola Denise Pipitone è scomparsa ma purtroppo tutto questo tempo non è stato sufficiente affinché l’intere famiglia e il nonno riabbracciasse la bambina ormai adulta.

Pochi minuti dopo la pubblicazione del messaggio alla Maggio sono arrivati tantissimi messaggi pubblici per esprimere solidarietà e alcuni evidenziano proprio il mancato abbraccio tra il nonno e la nipote.

Negli ultimi mesi la vicenda della bambina scomparsa a Mazara del Vallo il 1 settembre 2004 ha riottenuto molto spazio sui giornali con la riapertura del caso e le tantissime vicenda che l’hanno attorniate come avvistamenti o presunti tali, accuse e programmi televisivi che hanno riacceso di nuovo i riflettori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, verità e giustizia: anche l’ex pm Maria Angioni firma l’appello

Denise Pipitone, una caso ancora senza verità

denise pipitone, la testimonianza di un investigatore

Il tutto era ripartito dal caso della russa Olesya Rostova, la ragazza che ha la stessa età di oggi di Denise la cui storia coincideva su vari aspetti. Dopo settimane di discussione gli esami medici hanno escluso che lei fosse Denise.

A quel punto il caso mediatico era di nuovo aperto e si è scavato un’altra volta della vita di Anna Corona e di sua figlia Jessica (all’epoca dei fatti minorenne) indagate e prosciolte per la scomparsa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Milano, violenza in discoteca: Daspo per i rapper Rondo da Sosa e Baby Gang

Nel calderone delle ultime storie emerse intorno al caso, ci sono le parole dell’ex pm Maria Angioni che si occupò delle prime indagini della vicenda. Aveva detto che alcuni indagati erano stati favoriti perché erano a conoscenza di avere le utenze telefoniche sotto controllo, lanciando delle accuse gravi per le quali ora è sotto indagine.