Stefano Raimondi, chi è il campione di nuoto a Tokyo 2020

0
444

Stefano Raimondi, è il campione di nuoto paralimpico che ha sconfitto diversi avversari nella gara 100 metri farfalle per la categoria S9 ai Giochi Paralimpici di Tokyo 2020.

Stefano Raimondi, chi è il nuotatore che partecipa ai Giochi di Tokyo 2020 (Foto dal web)
Stefano Raimondi, chi è il nuotatore che partecipa ai Giochi di Tokyo 2020 (Foto dal web)

Il nuotatore italiano nasce a Soave, in provincia di Verona, esattamente l’1 Gennaio del 1998. Sin dalla tenera età ha coltivato con passione diversi sport, amava il calcio l’ha praticato sino all’età di 15 anni.

Purtroppo dopo un incidente in scooter che gli ha fatto perdere una gamba, non ha potuto continuare a coltivare la sua passione per il calcio. Dopo aver appreso di non poter giocare a calcio, proverà il nuoto riuscendo ad ottenere ottimi risultati.

Conquista primati italiani sia nello stile libero che nello stile delfino e rana, a Dublino conquista la sua prima medaglia d’oro nei 100m rana, ama la sua famiglia, proprio perché gli ha permesso di ricominciare da zero.

Attualmente si allena con la Verona Swimming Team e le GS Fiamme Oro, il suo impegno non si ferma solo nel nuoto. Il nuotatore durante gli anni si impegna costantemente ad incontrare diversi ragazzi nelle scuole per riuscire a parlare della sua esperienza circa il nuoto e la sua disabilità.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Federica Sileoni, la 23enne alle Paralimpiadi di Tokyo 2020

Stefano Raimondi, infonde fiducia e incita nelle scuole a vedere oltre la disabilità perché si possono fare cose grandiose

Il nuotatore sta studiando Scienze Motorie e le sue passioni riguardano le moto e i motori, le Paralimpiadi di Tokyo 2020 sono la sua prima esperienza a livello mondiale.

Il nuotatore ha vinto il suo quarto oro durante i Giochi Paralimpici di Tokyo 2020, è riuscito a precedere i russi Artem Isaev e Dmitrii Bartasinskii.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Paralimpiadi, impresa Italia: doppietta Carlotta Gilli e Alessia Berra

Ha dichiarato di doversi rendere ancora conto di aver vinto una medaglia d’oro, nel momento in cui ci pensa gli viene sempre la pelle d’oca. Il suo oro è giunto dopo la medaglia conquistata in mattinata da Luigi Beggiato.

Infatti ha conquistato la medaglia d’argento nei 100 stile libero S4, il nuotatore non vede l’ora di salire sul podio e godersi al massimo la medaglia d’oro conquistata.

Infatti dopo aver raggiunto il quarto posto, il nuotatore è rimasto scontento, infatti ci ha ripensato ancora per tutta la notte.