Paralimpiadi, Bebe Vio: chi è Zhou Jingjing, avversaria in finale del fioretto

0
323

Gli italiani alle Paralimpiadi, oggi Bebe Vio in gara per l’oro: chi è Zhou Jingjing, avversaria in finale del fioretto.

(Lintao Zhang/Getty Images)

Cinque anni dopo, la sfida si ripete: è la cinese Zhou Jingjing la sfidante di Bebe Vio nel fioretto individuale alle Paralimpiadi di Tokyo. Esattamente come a Rio de Janeiro, dunque, sono le due super campionesse che si troveranno di fronte in una delle finali più attese dell’intero tabellone, per noi italiani. L’azzurra portabandiera, dunque, ci riprova dall’alto dei suoi incredibili numeri.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo -> Bebe Vio, flirt in corso o solo amicizia con Giorgio Avola? Tutta la verità

La veneta campionessa olimpica in carica, bronzo cinque anni fa nella gara a squadre, per cinque volte ha vinto il titolo di campionessa del mondo. Per lei, classe 1997, quella contro Zhou Jingjing è la sfida che sancisce una sorta di passaggio di consegne, essendo la cinese esattamente dieci anni più anziana dell’azzurra. Un passaggio di consegne che è cominciato cinque anni fa e poi Bebe Vio si è data da fare per riconfermarsi ai massimi livelli.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo-> Bebe Vio, insulti e minacce alla campionessa azzurra

Carriera e curiosità su Zhou Jingjing, la sfidante di Bebe Vio

Zhou Jingjing è comunque un osso duro: ha rappresentato la Cina alle Paralimpiadi estive nel 2012 e nel 2016 e in totale ha vinto tre medaglie d’oro e una d’argento, tutte nel 2016. Oltre che nel fioretto, dove ha vinto il titolo a squadre a Rio de Janeiro, è fortissima anche nella spada. Qui cinque anni fa ha conquistato sia il titolo individuale che quello a squadre. Alla sua prima apparizione olimpica, a Londra, si presentò soltanto nel fioretto ben impressionando fino alla semifinale.

Arrivarono poi per la cinese all’epoca 25enne due sconfitte che la fecero scendere giù dal podio e dovette così accontentarsi del quarto posto. Peraltro, la tradizione cinese nella scherma è davvero impressionante, come testimonia quanto accaduto a Rio de Janeiro. Ci si aspettava che la potenza asiatica dominasse questa specialità a Rio 2016 e gli schermidori cinesi non hanno deluso le attese, vincendo 10 dei 16 titoli in palio nella città brasiliana.