Marcell Jacobs accetta l’offerta di Ballando Con Le Stelle: i dettagli

0
523

Milly Carlucci chiama e il doppio campione olimpico di velocità Marcell Jacobs risponde. Ecco cosa accadrà nell’edizione numero sedici di Ballando con le Stelle

Marcell Jacobs

Sabato 16 ottobre prenderà il via la sedicesima edizione di Ballando con le Stelle. Il popolare reality barra talent show di Rai 1 condotto da Milly Carlucci rappresenta, di fatto, il cuore della programmazione autunnale di Viale Mazzini.

Non a caso parliamo di un programma che catalizza mai meno del 20% di share oltre ad una media sempre superiore ai quattro milioni di telespettatori, 4.058.000 nel 2020. Con punte di quasi sette milioni nella prima storica edizione quella del 2005 vinta da Hoara Borselli e Simone Di Pasquale.

—>>> Leggi anche Ballando con le stelle, nuovo ruolo per vecchia protagonista?

Per la prossima edizione c’è ancora grande riserbo relativamente ai partecipanti anche se qualche indiscrezione emerge. Secondo il popolare sito di gossip Isa e Chia accanto ai confermatissimi membri della giuria, la presidente Carolyn Smith, Selvaggia Lucarelli, Guillermo Mariotto e Ivan Zazzaroni potrebbero trovare spazio personaggi di grandissimo spessore come Sabrina Salerno, Alessia Marcuzzi e Paola Barale.

Milly Carlucci corteggia Marcell Jacobs

Ma alla Carlucci non basta. E per questo sta tentando il colpo gobbo. “Non mi dispiacerebbe avere Jacobs nel cast” ha dichiarato senza mezzi termini al settimanale DiPiù. “Lo abbiamo contattato…Chissà”

A stretto giro di posta, sempre dalla colonne del settimanale di gossip, è arrivata la risposta del campione olimpico dei cento metri e della staffetta quattro per cento. “Sono pronto per Ballando con le Stelle” ha dichiarato Marcell Jacobs. Che però mette subito un paletto e chiarisce i termini della partecipazione.

Non sarà in gara ma “farò il ballerino per una notte”. E ne spiega il motivo sottolineando che dopo l’exploit alle Olimpiadi di Tokyo 2020 e con tutta la carriera agonistica davanti, Jacobs, 27 anni il prossimo 26 settembre teme un calo della credibilità sportiva. “Verrebbero tutto messo a dura prova dal risultato delle esibizioni”. Un ragionamento onesto e condiviso probabilmente dalla stessa Carlucci.