Zdenek Zeman: ecco quanto fuma l’allenatore del Foggia

0
331

Curiosità su Zdenek Zeman: ecco quanto fuma l’allenatore del Foggia, noto per le sue sigarette accese a bordo campo.

“Il risultato è casuale, la prestazione no”, questo il credo di Zdenek Zeman, l’allenatore boemo che ha trovato fortuna in Italia, dove è riconosciuto come uno dei principali mister di calcio, soprattutto in chiave antisistema. C’è un dettaglio che a molti non è mai sfuggito, ovvero il suo tenere sempre la sigaretta accesa tra le labbra, mentre si trova in panchina. Su questo particolare, in passato, ha fatto grande ironia il comico Antonio Albanese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> È morto Pasquale Casillo, il re del grano padre di “zemanlandia”

Infatti, l’attore – attraverso il suo personaggio Frengo – ha realizzato alcuni sketch passati alla storia, proprio in compagnia del tecnico boemo. Si tratta però di un particolare che farebbe ormai parte del passato della vita dell’allenatore. Questi, infatti, sembra che abbia ridotto di molto la sua dipendenza dal tabagismo. Da pacchetti interi si è passati a 5-6 sigarette al giorno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Damiano Tommasi, il curioso soprannome del campione della Roma anni 2000

Quanto fuma Zeman? La verità sul vizio dell’allenatore boemo

Lui stesso ha spiegato questo cambiamento in un’intervista concessa al noto quotidiano sportivo “La Gazzetta dello Sport”: “Sono sceso da tre pacchetti a 5-6 sigarette al giorno, e non perché ne avevo poche ma perché ho scelto da solo”. Insomma, Zeman non sarebbe più un assiduo fumatore come in passato, anzi stando a sentire la sua confessione starebbe quasi smettendo. “Sono tre mesi che praticamente non fumo più”, le sue parole di circa un anno fa.

Peraltro, fumare in panchina era diventato per lui davvero molto difficile, da quando l’Uefa aveva posto un veto storico. “Fumare nelle aree tecniche è una pratica malsana che può avere un impatto negativo sui più giovani”, era stata la giustificazione. Questo aveva lasciato in molti allenatori davvero male. Tra questi, oltre a Zeman, c’erano all’epoca Marcello Lippi e l’ex allenatore dell’Inter, Hector Cuper.