Marco Cicchetti, chi è l’atleta paralimpico a Tokyo 2020

0
209

Marco Cicchetti, nasce a Roma l’11 Aprile del 1999 è un atleta paralimpico azzurro che gareggia nel salto in lungo per la categoria T44.

Marco Cicchetti, chi è l'atleta azzurro che partecipa alle paralimpiadi (Foto dal web)
Marco Cicchetti, chi è l’atleta azzurro che partecipa alle paralimpiadi (Foto dal web)

L’atleta nasce con una malformazione al piede denominata il piede torto congenito, si avvicina allo sporta all’età di 3 anni facendo ginnastica artistica, mentre ai 12 anni comincerà a praticare l’atletica leggera paralimpica.

Da qui preferirà i match di salto in alto, velocità e salto in lungo, mentre nel 2019 diventerà campione italiano paralimpico assoluto indoor nei 60 metri piani.

Poi sarà la volta dei 200 metri piani e del salto in lungo, nello stesso anno registra il record italiano dei 200 metri piani in categoria T44 indoor, totalizzando un punteggio di 24’’83.

Nel 2018 riuscì a segnare un altro record nazionale, ovvero quello di fare salto in lungo T44, si classifica settimo e quarto nei 100 metri piani T44, per poi classificarsi al settimo e al quarto posto nei 100 metri piani.

Mentre nel 2020 diventerà per 2 anni consecutivi campione paralimpico italiano indoor, per poi registrare ancora una volta un nuovo record italiano nel salto in lungo indoor T44.

Mentre nel 2021 riesce a strappare una medaglia di bronzo proprio nel salto in lungo T64 con i campionati europei paralimpici di Bydgoszcz, per poi qualificarsi ai Giochi di Tokyo 2020.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Paralimpiadi Tokyo 2020: chi è Michela Brunelli, la campionessa del tennis tavolo italiano

Marco Cicchetti, si aggiudica record nazionali anno dopo anno il prodigio del salto in lungo

Grazie ai tanti consigli di sua sorella, riesce ad avvicinarsi all’attività e all’atletica paralimpica quando aveva 12 anni, subito dopo cercherà di competere durante le gare di salto in alto.

Ci saranno ostacoli, diverse prove, per poi partecipare anche al campionato Fidal. Nel 2017 cercherà di qualificarsi alle paralimpiadi, proprio in vista dei Giochi di Tokyo 2020.

>>> POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Paralimpiadi: doppio oro nel nuoto, finale per Bebe Vio e compagne

Il suo miglior risultato è stato ottenuto nel 2018, proprio durante la prima gara indoor nel salto in lungo totalizzando con parametro 7.01. Conquista la medaglia d’oro nei campionati italiani paralimpici assoluti indoor.

Nel 2019 riesce ad ottenere l’oro anche nel salto in lungo, nel 200m piani e nei 60m piani. L’oro anche nel 2021 non ha tardato ad arrivare, proprio nella categoria salto in lungo T43 – 44 – 63 – 64 con un totale stimato dei 6,32m.