Biennale di Venezia, Leone d’Oro a Benigni: “Sono ancora un principiante”

0
109

Roberto Benigni riceve il Leone d’Oro e  fa sorridere il pubblico: “Tiziano ha iniziato a fare le sue opere migliori alle soglie dei 40 anni, quindi può essere che tra una trentina d’anni, avrò un altro Leone d’Oro alla carriera per la seconda parte”.

Il 1° settembre 2021 Roberto Benigni riceve in occasione della Biennale di Venezia, tra le più importanti e prestigiose manifestazioni internazionale d’arte contemporanea al mondo, l’ambitissimo Leone d’Oro alla carriera in occasione della 78esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. A conferirgli l’onorificenza è stato proprio il direttore della mostra Alberto Barbera, il quale è stato anche colui che ha premuto il Consiglio di Amministrazione della Biennale affinchè Benigni ricevesse il premio.

Durante il discorso di ringraziamento, l’attore dedica il Leone d’Oro a sua moglie Nicoletta Braschi, compagna di vita e anche di carriera, colei che ha interpretato molti film accanto a suo marito, da “La vita è bella”, “Pinocchio”, a “Il mostro”, solo per citarne alcuni. “Io mi prendo la coda, le ali sono le tue, talento, mistero, fascino e femminilità. Emani luce, amore a prima vista, anzi eterna vista”, queste sono state le parole d’amore di Benigni alla moglie Nicoletta. “Il Leone? Mi meritavo un micino“, ha scherzato con la sua solita ironia Benigni. “Non è un’emozione: è di più, è un sentimento d’amore quello che provo e che vorrei restituire decuplicato”, continua l’attore, e il pubblico lo ringrazia con  una standing ovation.

Ma non solo “sarà banale”, dice benigni, ma dedica il suo premio alla carriera anche agli italiani, che per 40 anni lo hanno sostenuto e applaudito, sia sul grande schermo, che in tv, che in teatro, regalandogli “vita e fantasia”. Poi durante il suo discorso il vincitore del premio si rivolge al Presidente della Repubblica, Repubblica, Sergio Mattarella, il quale era presente in Sala Grande, dove è stata celebrata la cerimonia. “A Mattarella voglio bene. La vorrei abbracciare, rimanga qualche anno in più”, dice benigni rivolgendosi al Presidente.

Benigni continuando la sua sfilata sul red carpet ha continuato a ironizzare sulla sua carriera affermando di essere accora un principiante nel suo lavoro. L’attore afferma che il pittore Tiziano, vissuto nel 15° secolo e celebre per le sue tele, raggiunge l’apice della sua carriera intorno ai  40 anni, “quindi può essere che tra una trentina d’anni, nel 100esimo anniversario del Festival di Venezia mi danno un altro Leone d’Oro alla carriera per la seconda parte“, afferma il regista, attore e sceneggiatore toscano.

POTREBBE INTERESSARTI: Roberto Benigni, nuovo film in cantiere? Ecco la risposta dell’attore

Ecco i momenti più speciali della Biennale di Venezia pubblicati sul profilo Twitter della Mostra: