Vodafone Down: rete non funziona, segnalazioni in tutta Italia

0
354

Si sta verificando in questi minuti un Vodafone Down: la rete non funziona, segnalazioni in tutta Italia, ecco le città più colpite.

Vodafone Down

Da circa un’ora ci sarebbe un down della rete Vodafone che riguarda soprattutto il Centro Italia: le città da cui arrivano le maggiori segnalazioni sono Perugia, Roma, Ancona, Bologna, Macerata, Pesaro poi ancora Fano, Osimo e San Benedetto del Tronto. Dunque in particolare sono Umbria e Marche le regioni più colpite da questo down della Rete.

Ti potrebbe interessare anche -> WhatsApp: in arrivo novità per chi usa i messaggi vocali

Segnalazioni arrivano al sito Downdetector anche da Milano, ma non è chiaro se siano collegate alle altre emerse in queste ore. I commenti che arrivano in queste ore sono decine e appunto provengono in particolare da Umbria e Marche. “Segnale assente Perugia!”, scrive una utente sul sito specializzato che raccoglie questo tipo di segnalazioni. Poi si legge ancora: “Non funziona nulla da mobile”.

Ti potrebbe interessare anche -> Come giocare online usando WhatsApp: ecco il trucco

Allerta Vodafone down: decine di segnalazioni, cosa sta accadendo

Un altro utente commenta: “Aiuto, anche a me dice nessun servizio, saranno più o meno dalle 9:30, sono in provincia di Macerata”. Luca evidenzia che in famiglia hanno tre utenze tutte in down con Vodafone e aggiunge: “Anche la FWA station (con SIM embedded) è disconnessa. Disastro!”. Un’altra segnalazione arriva da Osimo, in provincia di Ancona, ed evidenzia come il down sia appunto generalizzato.

Scrive infatti l’utente riguardo alla sua situazione in questo momento: “Da 10 minuti telefonia mobile solo chiamate di emergenza… Sul cellulare non esiste più il simbolo connessione 4G, e niente rete, niente internet, niente messagggi o chiamate… Praticamente cellulare fuori uso”. Le aree più colpite sembrano essere quelle del cratere del Centro Italia e un utente lo sottolinea: “Ogni mese, Vodafone ci regala un disservizio, è bello sapere che le grandi aziende di tlc abbandonano le zone disagiate e terremotate”.