Enrico Beruschi, il comico e i resti di Raffaella Carrà: il retroscena

0
109

Le ceneri di Raffaella Carrà hanno fatto tappa nella città di San Pio, San Giovanni Rotondo, come da sua volontà: a commemorare l’artista morta due mesi fa c’era anche il noto comico Enrico Beruschi, che ha raccontato alcuni aneddoti.

enrico beruschi raffaella carrà
Pier Marco Tacca/Getty Images

L’ultimo desiderio di Raffaella Carrà è stato esaudito. Nella mattina di oggi, sabato 4 settembre, l’urna con le sue ceneri è stata portata a San Giovanni Rotondo per una visita a San Pio. Le spoglie hanno fatto prima tappa davanti alla sede di Tele Radio Padre Pio, emittente inaugurata nel 2001 dalla stessa artista scomparsa il 5 luglio scorso, per poi essere portate in processione fino alla chiesa di Santa Maria delle Grazie. Lì l’urna resterà fino a domani, domenica 5 settembre, per consentire ai fan e ai fedeli che lo vorranno di dedicarle un momento di preghiera.

Ti potrebbe interessare anche -> Raffaella Carrà, oltraggiata la memoria della conduttrice: cosa è successo

Le ceneri di Raffaella Carrà da San Pio: il ricordo di Enrico Beruschi

Nel corso della cerimonia per l’arrivo delle ceneri di Raffaella Carrà a San Giovanni Rotondo, tra i banchi della chiesa di Santa Maria delle Grazie c’era anche Enrico Beruschi. Il noto comico e attore ha raggiunto la città di San Pio proprio per commemorare la poliedrica artista. “Voleva tornare qui, non come presenza vera in carne e ossa, ma come presenza di cuore”, ha evidenziato.

Ti potrebbe interessare anche -> Raffaella Carrà, Gigi Proietti e la barzelletta del 18: il video leggendario

Come riportato dall’Ansa, Beruschi ha anche raccontato alcuni aneddoti sulla diva del Tuca Tuca, spiegando che proprio a San Giovanni Rotondo, in occasione dell’inaugurazione di Tele Radio Padre Pio, si erano parlati allegramente. “Era stato un incontro tra due vecchi amici che però non si erano mai incontrati prima – ha sottolineato – ma che si ammiravano da lontano, ed era la prima volta che condividevamo lo stesso palco e le stesse telecamere”. Come ricordato dal comico, in quella giornata alcuni “fraticelli si dimenarono come anguille ballando sulle note delle canzoni di Raffaella”.