Le ceneri di Raffaella Carrà a San Giovanni Rotondo: “Era il suo desiderio”

0
124

L’urna con le ceneri di Raffaella Carrà è arrivata a San Giovanni Rotondo per un’ultima visita a San Pio, come da lei richiesto. Per la commemorazione è stata scoperta una lapide davanti a Tele Radio Padre Pio, l’emittente inaugurata dalla stessa artista nel 2001.

raffaella carrà, le ceneri a san giovanni rotondo davanti a san pio
(screenshot video)

Intorno alle 11 della mattina di oggi, sabato 4 settembre, l’urna contenente le ceneri di Raffaella Carrà è arrivata a San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia, per l’ultimo “abbraccio” a San Pio. A portarla, con grande commozione, è stato il compagno di vita della poliedrica artista, Sergio Japino. L’ultimo desiderio di “Miss Tuca Tuca” quando era ancora in vita è stato così esaudito. Domani, 5 settembre, saranno esattamente due mesi dalla sua scomparsa.

Ti potrebbe interessare anche -> Raffaella Carrà, l’ultima donazione prima della morte

Raffaella Carrà, l’urna con le ceneri a San Giovanni Rotondo

Le spoglie di Raffaella Carrà sono state accolte davanti alla sede di Tele Radio Padre Pio, emittente inaugurata dalla stessa artista il 19 maggio del 2001. Come spiegato dal direttore Stefano Campanella, lei ha sempre mantenuto costante il legame: “Vogliamo dire grazie a Raffaella per la grande donna che è stata e che noi abbiamo avuto modo di conoscere”. Durante la mattinata è stata scoperta una lapide per rendere omaggio e senso di gratitudine “alla sensibilità e all’umanità della donna e dell’artista che ha imparato ad amare Padre Pio”.

Ti potrebbe interessare anche -> Raffaella Carrà morta della stessa malattia della madre

“L’unica cosa che credo di Padre Pio, perché l’ho provata io personalmente – dichiarò l’artista – è che se tu lo preghi ne avrai un beneficio. Io sono sicura che questo è proprio vero”. L’urna con le sue ceneri, dopo la tappa di Tele Radio Padre Pio, è stata portata in processione fino alla chiesa di Santa Maria delle Grazie, dove resterà fino a domani, domenica 5 settembre, per consentire a chi lo vorrà di dedicarle un momento di preghiera. Si tratta della chiesa in cui il santo ha celebrato l’eucarestia dal 1959 al 1968.