Padre sottopone le figlie minorenni a infibulazione durante il viaggio in Africa

0
177

Padre fermato al rientro dall’Africa: “Mio marito ha fatto una cosa orribile”, afferma la moglie dopo aver appreso l’infibulazione fatta alle due bambine.Un uomo è stato denunciato dalla moglie e poi arrestato per aver sottoposto all’infibulazione le sue due figlie minorenni. L’accaduto è successo a Piacenza e ad essere coinvolta è una famiglia di origini africane. L’operazione è avvenuta proprio in Africa, dove il padre aveva organizzato un viaggio con le due bambine. A sporgere la denuncia ai Carabinieri di Piacenza è stata proprio la madre quando è venuta a conoscenza del fatto. I militari dell’Arma coordinati dalla procura hanno così presentato un ordine di custodia cautelare nei confronti dell’uomo.

L’infibulazione consiste nell’asportazione del clitoride, delle piccole e grandi labbra vaginali e cucitura di buona parte della vulva. L’infibulazione è una pratica che si può riscontrare in alcuni paesi soprattutto quelli islamici e africani, dove viene consigliata come sistema ritenuto utile a mantenere intatta l’illibatezza della donna e impedire alla donna di conoscere l’orgasmo prima del matrimonio. Una pratica effettuata da medici improvvisati spesso senza anestesia e largamente vietata in gran parte del mondo, tranne alcuni paesi sudafricani e medio-orientali chela ritengono come una pratica culturale importante.

Tra i paesi in cui questa pratica è legalmente punibile è l’Italia, è punito con la reclusione da 4 a 12 anni, pena aumentata di un terzo se la mutilazione viene compiuta su una minorenne, o eseguita per fini di lucro. Dunque il padre piacentino delle due bimbe ha dovuto spostarsi  in Burkina Faso – anche se lui è originario della Costa d’Avorio – per farle praticare l’infibulazione.

Dopo essere tornate in Italia le due le due ragazzine sono state visitate dai medici della Asl che hanno confermato quanto raccontato dalla madre. Immediata la denuncia ai carabinieri e l’arresto. Nessun dubbio per la Procura, che racconta di un rito disumano vietato dalla legge italiana e punita dal codice penale italiano anche se il reato è commesso all’estero.

Una pratica purtroppo ancora diffusa anche in Italia, infatti le due bambine piacentine non sarebbero nemmeno le uniche vittime di queste pratiche tribali e cruente. Solo l’AUSL di Piacenza ha registrato negli ultimi mesi una decina di casi accertati di donne infibulate. La responsabile del consultorio di Piacenza, la ginecologa Cristina Molinaroli dichiara: “Le bambine infibulate sono anche indottrinate a ritenere la cosa giusta”.

POTREBBE INTERESSARTI: Bitonto: 40enne muore dopo una rissa, l’aggressore si consegna in caserma

La presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini si interroga “sulla condizione femminile in troppe famiglie di immigrati in cui vige un regime talebano. La mutilazione genitale è un’usanza tribale che, pur non essendo legata ad alcun precetto religioso, viene purtroppo ancora praticata da alcuni imam”.