Bataclan, la mamma di Valeria Solesin: “Disprezzo per i terroristi”

0
100

Strage del Bataclan del novembre 2015, si apre il processo. La madre della vittima: “Fu attacco al modo di vivere occidentale”

Bataclan
Valeria Solesin (foto Facebook)

Una giovane ricercatrice in Demografia alla Sorbona di Parigi, un venerdì sera in compagnia del fidanzato e degli amici ad ascoltare musica dal vivo. Un momento di spensieratezza che si è trasformato in una delle più grandi tragedie europee degli ultimi anni. La veneziana Valeria Solesin era al Bataclan la sera del 13 novembre 2015 quando i terroristi attaccarono la storica struttura per spettacoli e musica.

Proprio nella sala concerti, dove si trovava la giovane veneta, ci fu il numero più alto di vittime: in totale, nei diversi luoghi degli attentati a Parigi, persero la vita 130 persone e i feriti furono oltre 400.

Oggi si apre il processo per la strage in Francia e per l’occasione la mamma di Valeria, Luciana Milani, l Gazzettino ha rilasciato un’intervista. La donna ha dichiarato di avere disprezzo e indifferenza per gli autori del vile atto e ha definito quegli attentati “un attacco al modo di vivere occidentale. È stato un attacco all’essere cittadini, alla polis, alla comunità”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Talebani annunciano il governo in Afghanistan: ricercato dall’FBI il Ministro Interni

Strage Bataclan, la mamma di Valeria: “Le istituzioni ci sono state vicine”

La madre di Valeria Solesin (screen YouTube)

Un dolore incolmabile per tutta la famiglia, la signora Milani, il marito e il fratello di Valeria. Hanno provato ad essere quelli di prima, ha raccontato, com’erano fino al tragico giorno, e anche se non sono stati abbandonati, dalle istituzioni e dalla città, ci sono comunque i momenti che si resta soli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Infarto e ictus, sviluppato un cerotto hi-tech per monitorare il rischio

Cosa successe quella sera

Al Bataclan era in corso un concerto della band Eagles of Death Metal alla presenza di circa 1500 persone quando dei terroristi entrarono e cominciarono a sparare all’impazzata. Simultaneamente scoppiarono anche bombe in diversi luoghi di Parigi, anche fuori allo stadio dov’era in corso la gara tra le nazionali di calcio Francia-Germania, alla presenza del presidente della Repubblica Hollande che nella notte dichiarò lo stato di emergenza.