Allarme di fumo sulla Stazione Spaziale Internazionale

0
48

La Stazione Spaziale Internazionale è ormai da più di due decenni, un luogo unico e fondamentale per la ricerca scientifica, anche grazie alla capacità negli anni di ospitare migliaia di ricerche e centinaia di astronauti, susseguitesi negli anni. La BBC ha riportato una notizia relativa ad un avviamento dell’allarme sulla Stazione, probabilmente scaturita sul modulo russo Zvezda.

Stazione Spaziale Internazionale (Photo by Jack Fischer/NASA via Getty Images)

L’allarme di fumo ha investito la Stazione Spaziale Internazionale. Secondo quanto riferito dai media russi, il tutto sarebbe partito dal modulo russo Zvezda, come hanno spiegato i media russi, dove sono distribuiti alcuni alloggi. Non è la prima volta che segnali del genere colpiscono la Stazione, soprattutto per quel che riguarda lo stesso modulo russo, poco tempo fa, al centro di un guasto hardware, come ha spiegato la BBC e di alcuni piccoli difetti dovuti al logoramento: come crepe e perdite d’aria. Un altro piccolo guasto si verificò nel mese di luglio, quando si avviarono senza comandi i propulsori, creando un po’ di scompiglio all’interno della Stazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Cristoforetti è la prima donna europea a guidare la stazione spaziale

Roscosmos (Agenzia spaziale russa) ha spiegato che sul modulo la situazione è stata ripristinata e tutto è tornato alla normalità. La stessa Agenzia ha raccontato che l’allarme è scattato durante la ricarica delle batterie della Stazione e che poco dopo l’equipaggio aveva già ripreso le normali attività di bordo. I due cosmonauti russi  hanno spiegato che sul modulo si avvertiva un odore di plastica bruciata. I due, Oleg Novitskiy e Pyotr Dubrov, riprenderanno da domani le operazioni di preparazione sul laboratorio Nauka (Multipurpose Laboratory Module (MLM). 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> ISS: le accuse della Russia ad una astronauta americana

Come spiega la BBC, L’Agenzia Spaziale Russa ha più volte ribadito che i guasti e gli eventi disfunzionali sulla Stazione sono il frutto del deterioramento delle componenti. La stessa Agenzia aveva poi spiegato che, proprio per questo motivo la ISS poteva operare massimo fino al 2030. Gli astronauti a bordo della ISS sono al momento sette: due russi, tre statunitensi, un giapponese e un francese.