Emma Raducanu: la 18enne entra nella storia del tennis con la vittoria finale degli US Open

0
108

La britannica Emma Raducanu batte la canadese Leylah Fernandez 6-4, 6-3 partendo dalle qualificazioni e non perdendo un set. Svela il suo segreto per mantenere la calma.

La 18enne britannica Emma Raducanu ha vinto il suo primo titolo nel “Grande Slam” sconfiggendo la canadese 19enne Leylah Fernandez con 6-4, 6-3 nella finale degli US Open lo scorso sabato. I suoi ben 1,4 milioni di follower su Instagram (@emmaraducanu) si congratulano con lei sotto il suo ultimo post in cui sorridente abbraccia la coppa.

La tennista non ha perso un set in tutto il torneo e dichiara: “E’ stata una partita incredibilmente difficile, ho pensato che il livello fosse estremamente alto”, ha detto  Raducanu, e poi si congratula con Fernandez per il modo in cui ha giocato nel corso del torneo. “E spero che giocheremo l’uno contro l’altro in molti altri tornei e, si spera, in finali”, conclude l’atleta.
Raducanu ha respinto un breve scambio di palla di Fernandez nel secondo set. Sul 5-2 durante il secondo set, Raducanu aveva bisogno solo di un punto in più per vincere. Ma Fernandez ha reagito conquistando il 5-3. Proprio sul più bello l’atleta britannica si è sbucciata il ginocchio in un affondo sulla linea di fondocampo. Dopo un timeout medico per curare il ginocchio sanguinante, Raducanu è ritornata in campo pronta a conquistare la partita. “Rimanere nel momento, concentrandomi su ciò che dovevo fare. Il metodo e la mentalità hanno davvero aiutato in quei momenti difficili”, ha detto la campionessa.

Chi è Emma Raducanu

Il fatto che la 18enne sia arrivato in finale per primo è sorprendente. Il fatto che l’abbia vinta è storico. Raducanu di origine cinese da parte della madre, e rumena da parte del padre. La ragazza ha dovuto superare tre turni di qualificazione per arrivare al tabellone principale di quella che è solo la sua seconda apparizione in uno Slam.
La diciottenne era diventata la prima a raggiungere una finale del Grande Slam e ora è diventata la prima qualificata a vincerne una. Anche Raducanu ha espresso sorpresa per il suo successo. Raducanu è ora la più giovane vincitrice di un Grande Slam da quando Maria Sharapova ha vinto Wimbledon nel 2004, ed è anche diventata la prima donna britannica a vincere un major da quando Virginia Wade ha vinto Wimbledon nel 1977.
La tennista è ora classificata 150esima al mondo arrivando agli US Open, ha mostrato il suo potenziale a Wimbledon quest’anno, catturando i cuori del Regno Unito quando ha raggiunto il quarto turno prima di ritirarsi a causa di  “difficoltà respiratorie“. Ma pochi avrebbero potuto immaginare questa corsa da sogno a New York. “Grazie New York”, ha detto, l’atleta, “amo giocare di fronte a te e mi hai davvero spronato in alcuni momenti molto difficili e spero che io e Leylah abbiamo avuto una buona prestazione oggi”, dice Emma durante i ringraziamente.
Anche Fernandez si è congratulata con Raducanu, dicendo: “Spero di tornare qui in finale e questa volta con un trofeo, quello giusto”. Ha poi reso omaggio a New York in quello che è stato il ventesimo anniversario dell’11 settembre: “So che in questo giorno è stato particolarmente difficile per New York e per tutti gli Stati Uniti”, ha detto l’adolescente canadese. “Voglio solo dire che spero di poter essere forte e resiliente come lo è stata New York negli ultimi 20 anni”, conclude la seconda classificata.

Ecco il segreto della giocatrice

Raducanu non ha perso un solo set nel torneo e ha spazzato via avversari molto più esperti man mano che andava avanti. Quando le è stato chiesto come fa a mantenere una tale compostezza nei momenti di alta pressione, Raducanu ha attribuito il merito alle lezioni che ha ricevuto dai suoi genitori durante la crescita: “Penso che la calma e la forza mentale derivino sicuramente dalla mia educazione“, ha detto prima della finale. “Penso che i miei genitori mi abbiano entrambi instillato fin dalla tenera età per avere un atteggiamento decisamente positivo in campo”, afferma l’atleta.