Ibrahimovic, continua la polemica con Lebron James: “Penso che…”

0
82

Ibrahimovic ha rilasciato un’intervista ai microfoni di France Football. Il campione svedese è tornato sul discorso relativo allo sport e alla politica, un secondo atto del dibattito che lo vide coinvolto con il cestista NBA Lebron James

Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

Nel mese di febbraio scorso, Ibra e Lebron James si sono resi protagonisti di uno scambio di opinioni a distanza. Il motivo? Lo svedese è del parere che uno sportivo di alto livello no debba ”mischiarsi” con la politica. Il cestista NBA, contrariamente, ha sempre portato avanti un pensiero opposto.

Intervistato da France Football, Zlatan Ibrahimovic ha rimarcato il suo pensiero. Queste, nel dettaglio, le sue parole: “Come ho avuto già modo di dire, io continuo a ripetere che non siamo politici. La politica divide le persone, lo sport le unisce. C’è una differenza enorme. Perché io ho avuto la fortuna di conoscere e farmi conoscere da persone che non avrei mai incrociato se non avessi giocato a calcio. Ho stretto legami in tutto il mondo, proprio perché siamo delle figure in grado di unire. La politica fa l’opposto. Se avessi voluto fare politica mi sarei candidato. Sport e politica non possono coesistere”.

Ti potrebbe interessare anche questo articolo->Milan-Lazio 2-0, dominio Diavolo: pagelle e tabellino

Ibrahimovic, lo svedese precisa: “Non si tratta di non prendere posizione”

Lo svedese ha poi continuato precisando che la sua opinione in relazione a tale discorso non è riconducibile a una ”non presa di posizione”. L’attaccante del Milan, nello specifico, ha spiegato: “Se io voglio prendere o meno una posizione non è una risposta. È qualcosa di relativo a ciò che facciamo e al messaggio che vogliamo lanciare. C’entra cosa fai e che messaggio vuoi mandare. Noi calciatori produciamo amore e gioia. Non puoi portare nel mondo le tue opinioni politiche. Non sono qui per mandare un cattivo messaggio alle persone. Sono qui per unire, regalare amore e gioia. Perché siamo bravi a farlo. Io sono bravo, sono bravo a giocare a calcio”.