Dramma, morto il campione olimpico e record del mondo

0
142

Un dramma ha colpito il mondo dello sport, morto il campione olimpico e recordman del mondo Yuriy Sedykh.

(screenshot video)

Yuriy Sedykh, due volte campione olimpico nel lancio del martello il cui record mondiale del 1986 è ancora valido, è morto. Aveva 66 anni. La drammatica notizia ha scosso il mondo dello sport a livello internazionale. Il campione aveva eccelso per molti anni nella sua disciplina. Ancora oggi è considerato un grande dell’atletica leggera, in particolare tra i lanciatori. Ma i suoi successi vennero anche macchiati dalle ombre del doping.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Morta Olivia Podmore: la ciclista ha partecipato alle Olimpiadi di Rio

La federazione russa di atletica leggera ha dichiarato che Sedykh è morto stamattina, martedì 14 settembre, a seguito di un infarto. “Piango profondamente la perdita di Yuriy Sedykh”, ha scritto su Twitter il vicepresidente senior di World Athletics e grande saltatore con l’asta Sergei Bubka. Quindi ha aggiunto: “Per me, Yuriy era un amico, un saggio mentore”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> USA: morto l’atleta olimpico Paul McMullen

Chi era Yuriy Sedykh, lanciatore che fece grande l’Unione Sovietica

Il lanciatore del martello scomparso oggi vinse l’oro alle Olimpiadi del 1976 e del 1980, ma perse i Giochi di Los Angeles del 1984 a causa di un boicottaggio sovietico. Tornò a vincere una medaglia d’argento alle Olimpiadi di Seoul del 1988 e vinse un titolo mondiale nel 1991. Per quindici anni, dunque, fu il campione indiscusso di questa disciplina, ma non solo: ancora oggi nessun lanciatore ha fatto quello che ha fatto lui.

Sedykh ha segnato un record mondiale di 86,74 metri ai Campionati Europei di Stoccarda, in Germania, una misura incredibile che è ancora in piedi. Alle Olimpiadi di Tokyo di quest’anno, tutti i 12 finalisti del martello maschile sono nati dopo che Sedykh ha stabilito il record. Ma sulla sua carriera pesano come un macigno le accuse di doping. Accuse che vennero mosse proprio negli anni in cui era nel pieno dell’attività.

Le accuse di doping al lanciatore sovietico scomparso oggi

L’ex direttore del laboratorio antidoping di Mosca Grigory Rodchenkov ha scritto in un libro l’anno scorso che Sedykh era “un enorme abusatore di steroidi” che ha beneficiato di un insabbiamento sovietico. Rodchenkov ha affermato che uno dei campioni di Sedykh conteneva tracce così grandi dello stanozololo steroideo che ha contaminato le apparecchiature di laboratorio.

Da parte sua, il campione del lancio del martello ha sempre negato quelle accuse. In un’intervista del 2015 con un quotidiano russo, Sedykh si è difeso da quelle accuse e ha affermato che i grandi lanci degli atleti negli anni ’80 erano dovuti a un migliore allenamento e all’intenso programma di talent scouting dell’Unione Sovietica. Insomma, tutta farina del loro sacco e nessun baro legato al doping. Dopo il ritiro, Sedykh ha lavorato in Francia come insegnante di educazione fisica. Era sposato con un altro detentore del record mondiale sovietico, la tiratrice del peso Natalya Lisovskaya. La loro figlia Alexia ha seguito le orme del padre.