Roma, dramma a Torre Angela: esplosione e crollo di una palazzina in Via Atteone

0
215

Dramma a Roma nel quartiere di Torre Angela alla prime luci del mattino, esplosione e crollo di una palazzina di Via Atteone. La dinamica ed il bilancio

Crollo Palazzina Via Atteone

Drammatico fatto di cronaca a Roma alle prime ore del mattino di di oggi, martedì 14 settembre. Alle 7.30 in Via Atteone, 136 quartiere Torre Angela zona Sud Est della Capitale si è avvertita una forta esplosione proveniente dall’ultimo piano di una palazzina a tre piani.

—>>> Leggi anche Roma, blitz della Polizia sul clan dei Casamonica-Spada: diversi arresti

Il rumore è stato talmente forte da rompere i vetri delle case fino ad alcune decine di metri di distanza. Ma il dramma vero non si era ancora consumato. L’esplosione ha generato un incendio che, a sua volta, ha determinato il crollo dell’appartamento.

Come riportano le cronache locali le immagini che si sono presentate ai primi soccorritori sono state infernali. Una altissima colonna di fuoco e fumo, un lato della palazzina sventrato e, ovviamente, tanta paura.

Roma, crollo di una palazzina in Via Atteone

Sul posto sono arrivati, quasi nell’immediato, i Vigili del Fuoco della Caserma di Capannelle, gli agenti della Polizia Locale del Gruppo Torri ed i sanitari del 118 del vicino Policlinico Casilino. Tre la ambulanza in azione. Una per il proprietario dell’appartamento, gravemente ustionato, e due per gli inquilini della casa posta al secondo piano della palazzina.

Non sono ancora chiare le cause del disastro ma le prime indicazioni parlano di una importante fuga di gas. Su questo tema dovranno fare chiarezza i tecnici dell’Italgas che sono in azione sul posto. Per le informazioni in nostro possesso è in apertura anche un fascicolo di indagine per chiarire la dinamica dell’accaduto.

Per ovvi ed evidenti motivi di privacy non sono stati resi noti i nomi del proprietario dell’appartamento oggetto della fuga di gas e degli inquilini dell’altra casa colpita dall’esplosione. Si scava in ogni caso tra le macerie per verificare che non ci siano altre persone coinvolte.