Incendio nel Casertano, colonna di fumo visibile fino a Napoli

0
166

Incendio nel Casertano in una fabbrica di pezzi di ricambio di auto: non ci sono feriti ma l’aria è irrespirabile

Incendio Teverola-Carinaro (screen Video Facebook Borgogna vlk

Un grande incendio è divampato oggi tra Carinaro e Teverola, in provincia di Caserta, in una fabbrica di pezzi di ricambi per auto, la New Technology and Service, nell’area Asi di Carinaro. Il materiale plastico che è andato in fiamme ha provocato una densa colonna di fumo nero e sono intervenute diverse squadre dei Vigili del Fuoco, uno proveniente anche da Napoli.

Non si registrano vittime né feriti ma solo tanta paura. L’altissima colonna nera è stata avvistata anche nel capoluogo campano e alcune chiamate ai Vigili sono partite anche dal Corso Vittorio Emanuele, zona alta della città.

Un’area al confine con la provincia settentrionale di Napoli con un alta densità abitativa: il fumo è stato visto da centinaia di persone, pertanto lo spavento è tanto come le chiamate ai Vigili del Fuoco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Incidente tra colleghi, morto un 27enne

Incendio nel Casertano, operazione di spegnimento ancora in corso

La zone dove questa mattina si è verificato l’incendio è tristemente nota per i continui roghi di rifiuti tossici con la mano della camorra, nell’ambito degli smaltimenti irregolari di rifiuti. Dai vari commenti social emerge che molti inizialmente credevano si trattasse proprio di rifiuti, ma solo dopo hanno appreso che si trattava di una fabbrica.

Rifiuto o meno il danno per l’ambiente e la salute è dunque grande perché il materiale incendiato è principalmente plastica. È questo infatti ora l’aspetto più preoccupante perché l’aria in zona è irrespirabile e l’incendio ha creato anche traffico veicolare, bloccando gli automobilisti e rendendo la situazione ancora più complicata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Imperia: bidella senza green pass a scuola, interviene la polizia

I Vigili del Fuoco sono ancora al lavoro e appena spento l’incendio si comincerà a lavorare per scoprire le cause del disastro ambientale. Secondo le prime informazioni l’origine sarebbe uno scoppio nel sistema elettrico.