Paolo Marangoni morto di leucemia dopo il Covid: aveva 38 anni

0
197

La comunità di Porto Viro, in Veneto, dice addio a Paolo Marangoni, agente assicurativo 38enne stroncato dalla leucemia dopo aver superato il Covid.

paolo marangoni morto di leucemia dopo il covid
Paolo Marangoni (Facebook)

Era riuscito a sconfiggere il Covid, ma non la leucemia. Paolo Marangoni è morto a soli 38 anni nella notte tra sabato 11 e domenica 12 settembre mentre si trovava ricoverato nell’ospedale dell’Angelo di Mestre. Agente assicurativo di Porto Viro, in provincia di Rovigo, da tempo lottava contro il tumore del sangue. Per questo motivo, considerata la sua condizione di immunodepressione, dopo il contagio da Covid nonostante la doppia vaccinazione, si era reso necessario il ricovero.

Secondo quanto si apprende è durante la degenza in ospedale che la leucemia si è acutizzata. A fine agosto era guarito dall’infezione provocata dal Coronavirus, che gli aveva causato una polmonite. Purtroppo la debilitazione causata dalla sua patologia non gli ha lasciato scampo. A risultare fatale è stata una setticemia, che ha peggiorato le condizioni del suo sistema immunitario ormai compromesso.

Come reso noto da Il Messaggero, la morte di Paolo Marangoni è stata inserita a livello regionale tra i decessi legati al Covid e comunicata all’Ulss Polesana come decesso da Sars-Cov-2. Questo perché l’iniziale ricovero in ospedale del 38enne era stato all’inizio classificato come Covid. Tuttavia il personale medico ha evidenziato che il caso non è ascrivibile al virus e per questo tramite le successive verifiche la situazione sarà chiarita.

Ti potrebbe interessare anche -> Morta Martina Luoni: malata oncologica, era stata testimonial anti-Covid

L’addio a Paolo Marangoni e la richiesta della famiglia

I funerali dell’agente assicurativo sono già stati celebrati: l’ultimo saluto è stato dato nel pomeriggio di mercoledì 15 settembre presso la chiesa parrocchiale di San Bartolomeo apostolo di Porto Viro. L’intera comunità si è stretta attorno ai genitori, al fratello e alla sorella, e al resto della famiglia. Al posto dei fiori i cari di Paolo Marangoni hanno richiesto una donazione all’Ail, Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma.