GF Vip, nessuna squalifica: due ex gieffini all’attacco con toni duri

0
151

GF Vip, nuovo approccio del programma a differenza degli anni passati: concorrenti che sono stati squalificati criticano la scelta

Alfonso Signorini
Alfonso Signorini (Getty Images)

Alfonso Signorini ha detto che il politicamente corretto ha stancato, che abbiamo tutti “le tasche piene” e che c’è paura di parlare perché subito si viene accusati di qualcosa. Nelle edizioni passate i telespettatori del Grande Fratello hanno visto vari concorrenti essere espulsi a causa di alcune espressioni ritenute offensive.

Quest’anno quindi la politica è cambiata e non è stata presa bene da ex gieffini che proprio per alcune parolacce e imprecazioni in passato sono stati espulsi dalla casa. Con una serie di storie su Instagram Stefano Bettarini, Denis Dosio e Filippo Nardi hanno mandato qualche frecciatina neanche tanto velata, anzi, hanno proprio criticato la nuova politica.

Bettarini ha condiviso nelle proprie storie alcuni post di altri utenti del web, screen di Instagram o di Twitter dove si chiede coerenza con gli anni passati e rispetto verso chi è stato espulso per gli stessi motivi sui quali ora si vuole lasciare correre.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Grande Fratello Vip, il fratello delle principesse è l’ex di un volto noto della TV

GF Vip, cos’hanno detto gli ex concorrenti

(screenshot video)

Bettarini fu buttato fuori perché disse “madosca“, ricorda un utente mentre ora ci sono mano morte e body shaming “e usare parole come f****o”, ma per via della nuova politica impostata dal programma, provvedimenti non arrivano. L’ex di Simona Ventura nei giorni scorsi ha lanciato una stoccata pubblicando anche i risultati degli ascolti televisivi di venerdì prossimo dove il GF Vip è stato surclassato da Tale e quale show che ha ottenuto il 22.5% dello share mentre il Gf Vip si è fermato al 14,7%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mara Venier al Grande Fratello Vip: la sua risposta spiazza tutti

Anche Filippo Nardi con una storia e un’emoticon ha fatto capire chiaramente di non condividere la decisione sul politicamente corretto del programma mentre Denis Dosio ha twittato: “Comunque a saperlo entravo quest’anno”.