Laura Ziliani, com’è morta: l’ipotesi dopo gli esami medici

0
139

Laura Ziliani, proseguono le indagini per fare pienamente luce sulla morte dell’ex vigilessa. Avanzate le prime ipotesi

laura ziliani, indagate due figlie per omicidio
Laura Ziliani

Da qualche giorno le figlie e il genero di Laura Ziliani sono in carcere con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere della loro madre, dopo che per mesi sono stati nel registro degli indagati. Su come sia stata uccisa al momento l’ipotesi più probabile è il soffocamento, forse con un cuscino, dal momento che non ci sono segni sul collo.

Non c’è ancora certezza perché il lavoro della medicina legale è ancora in corso, riporta l’AdnKronos. All’ex vigilessa le sarebbe stato tolto il respiro mentre era sotto l’effetto di benzodiazepine, un composto trovato nel suo corpo, ritrovato l’8 agosto, esattamente tre mesi dopo la sua scomparsa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Laura Ziliani, svolta nel caso: arrestate le figlie

Laura Ziliani, i punti da chiarire

Laura Ziliani
Laura Ziliani (foto Facebook)

Laura era stata trovata vicina al fiume Oglio da un ragazzo ma secondo l’ipotesi investigativa non sarebbe stata lì per tutto quel tempo. Il cadavere sarebbe stato occultato in un posto all’aperto ma comunque coperto rispetto al luogo dei ritrovamento. Tra i vari aspetti da capire, come sia avvenuto il trasporto del cadavere dalla casa di Temù (verosimilmente è lì che è stata uccisa) e dopo sarebbe stata trasportata. La zona dopo il corpo è stato ritrovato era già stata battuta dai dagli uomini che avevano partecipato alle ricerche.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dean Berta Vinales, morto a 15 anni il pilota della SuperSport 300

Come riportano Bresciaoggi e l’edizione bresciana del Corriere della Sera, martedì sono in programma gli interrogatori di garanzia per Silvia e Paola Zani, le figlie di ventisei e diciannove anni della donna, e Mirto Milani, fidanzato della prima. Gli investigatori hanno posto attenzioni su di oro fin dai primi interrogatori, da quando avevano denunciato la scomparsa per alcuni punti non chiari e aspetti contraddittori. Le due sorelle sono nel carcere di Verziano mentre Mirto si trova nell’altro carcere di bresciano, a Canton Mombello