Giacomo Sartori: un grave furto nella zona dove è stato trovato morto

0
232

Il corpo e l’auto di Giacomo Sartori, scomparso a Milano lo scorso 17 settembre, sono stati trovati nel Pavese: proprio lì c’è stato un furto

Giacomo Sartori

Si tinge ancora più di giallo la vicenda della scomparsa e la morte di Giacomo Sartori, il giovane informatico veneto che è stato trovato senza vita alle porte di Pavia. Ai danni della troupe di Storia Italiane, il programma Rai condotto da Eleonora Daniele, è avvenuto un furto per un danno stimato di circa 30mila euro proprio dove era stato provato il corpo.

L’inviato e gli operatori della trasmissione si sono recati sul posto dove era stata individuata l’auto aziendale che era nella disponibilità di Sartori, ritrovata prima del suo corpo. Giornalista e operatori aveva lasciato la vettura per dedicarsi ad interviste in giro. Dopo un paio d’ore hanno trovato l’auto scassinata con tutta la strumentazione rubata.

Non è la prima volta che in quella zona avviene un furto ma mai in pieno giorno. Eleonora Daniele si è chiesta in diretta se questo episodio c’entri con la vicenda di Sartori anche perché nel suo caso c’è un furto che potrebbe essere centralissimo in tutto il caso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, la Procura di Marsala contro i talk show: il motivo

Giacomo Sartori: il caso

Giacomo Sartori screenshot

Giacomo Sartori era sparito venerdì 17 settembre. Quella sera era con degli amici in un’enoteca a Milano, città dove lavorava, vicino porta Venezia. È nel locale che subisce il furto dello zaino con all’interno il portafogli e il pc del lavoro. Denuncia l’accaduto al gestore del locale chiedendo se ha visto lo zaino, poi secondo gli amici va vai, preoccupato per il fatto. Non era neanche la prima volta che succedeva, già il mese precedente aveva subito un furto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Giacomo Sartori: continuano le indagini, il mistero s’infittisce

Il giorno 22 a Casorate Prima, nel Pavese, viene ritrovata l’auto chiusa e senza segni di scasso, poi dopo due giorni, esattamente una settimana dopo la scomparsa, in zona i carabinieri trovano il suo corpo con un filo elettrico attorno al collo. Quest’ultimo elemento non fa escludere agli inquirenti che sia un caso di suicidio ma solo i risultati dell’autopsia potranno chiarire aspetti ancora oscuri della vicenda.