Filippo Nascimbene: chi è la vittima italiana dell’incidente aereo

0
296

Filippo Nascimbene è morto nel tragico incidente aereo di ieri a Milano. Con lui la moglie e il figlio che aveva appena ricevuto il battesimo

Filippo Nascimbene

Nel grave incidente di ieri con un aereo che è caduto sul tetto di un palazzo disabitato a Sud di Milano, hanno perso la vita tutt’e otto persone che erano a bordo. Il mezzo era di Dan Petrescu, immobiliarista miliardario rumeno con passaporto tedesco, ai comandi del velivolo.

A bordo c’era anche l’italiano Filippo Nascimbene, manager 33enne nato a Monferrato in Piemonte da una nota famiglia di Pavia e sua moglie Claire Stephanie Caroline Alexandrescou, francese. Ha perso la vita anche loro figlio, il piccolo Raphael di quasi due anni che proprio ieri aveva ricevuto il battesimo.

Tra le vittime anche la nonna del bambino Miruna Anca Wanda Lozinschi. La famiglia si trovava sul velivolo perché ospite del magnare rumeno per passare qualche giorno nella sua villa in Costa Smeralda. Il volo era partito da Linate poco prima della tragedia per recarsi proprio in Sardegna.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Dan Petrescu, chi era il miliardario morto nell’aereo caduto

Filippo Nascimbene, la famiglia d’origine molto conosciuta a Pavia

Filippo Nascinbene lavorava alla StartHub Consulting in zona Maciachini. Aveva frequentato l’Università del Piemonte Orientale e solo un anno fa aveva subito un grave lutto, la perdita del padre Alberto, molto noto a Pavia per la sua attività di assicuratore.

Secondo quanto racconta l’edizione milanese del Corriere della Sera, dopo aver appreso la notizia dell’areo il fratello di Nascimbene si è messo in contatto con le forze dell’ordine per avere la triste certezza, confermata poi anche dalla sorella al giornale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Pilota automobilisitico ucciso a 31 anni in un agguato

La tragedia di ieri poteva contare molte più vittime se fosse avvenuta in un giorno feriale. La palazzina contro cui si è schiantato il piccolo aereo è in fase di ristrutturazione e l’area attorno è adibita a uffici e parcheggi utilizzati soprattutto per i dipendenti (molti dei quali ancora in smart working) e dunque non c’era quasi nessuno in zona.