Omicidio in un bar del Torinese: uccisa a coltellate una donna

0
116

Omicidio nella notte nel Torinese: una donna di 44 anni è stata uccisa a coltellate in un bar di Luserna San Giovanni. Il responsabile è stato fermato subito dopo l’aggressione. Ancora in corso le indagini per accertare il movente del delitto.

luserna san giovanni, donna uccisa al bar primavera
via Google Maps

Notte di sangue a Luserna San Giovanni, in provincia di Torino. Intorno all’1:30 un uomo extracomunitario ha accoltellato a morte una donna in un locale di via I maggio, il Bar Primavera, e ne ha ferito altre due, che avevano tentato di difenderla.

Secondo quanto si apprende la vittima, Carmen De Giorgi, di 44 anni, sarebbe stata uccisa dopo aver respinto le insistenti avances dell’omicida, un marocchino di 34 anni di nome Medhi Hounafi. Dalle prime indiscrezioni la donna lavorava nella fabbrica di Acqua Sparea e aveva un figlio. Le due donne rimaste ferite nella colluttazione non sarebbero in pericolo di vita.

Ti potrebbe interessare anche -> Aereo caduto alle porte di Milano: ci sono molte vittime – VIDEO

Donna uccisa in un bar di Luserna San Giovanni: arrestato l’omicida

Secondo una prima ricostruzione, al momento dell’aggressione l’uomo era seduto al tavolo insieme alla vittima, ma non è ancora chiaro se i due si conoscessero da prima. L’assassino dopo averla colpita più volte alla schiena con un coltello si è dato alla fuga ma non è riuscito a dileguarsi: i clienti del locale testimoni del tragico fatto di sangue hanno immediatamente allertato i carabinieri. La compagnia di Pinerolo è così riuscita a fermare l’uomo a un centinaio di metri di distanza dal bar teatro dell’omicidio.

Ti potrebbe interessare anche -> Morto in un incidente il fumettista che sopravvisse ad un attentato terroristico

L’assassino, portato subito in caserma per essere interrogato, si troverebbe in Italia con regolare permesso di soggiorno e risiederebbe nella zona. Adesso saranno le indagini a verificare la dinamica esatta dell’aggressione, accertando sia il movente che il tipo di rapporto esistente tra l’assassino e la vittima.