Dorina Dato: chi è la moglie del cantautore Drupi, insieme dal 1973

0
369

Cosa sapere su Dorina Dato: chi è la moglie del cantautore Drupi, insieme dal 1973, la vita privata della donna e il loro rapporto.

(screenshot video)

Corista e coautrice di alcuni brani di Drupi, all’anagrafe Giampiero Anelli, Dorina Dato è la moglie del celebre cantautore e sua musa ispiratrice. La coppia si è conosciuta addirittura nel 1973 e a lei è dedicato il brano più celebre dell’artista, ovvero Piccola e fragile. Il sodalizio artistico è diventata una lunga storia d’amore, coronata dal matrimonio, avvenuto nel 1992. Insomma, quasi 50 anni insieme in cui carriera artistica e vita sentimentale si sono intersecati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Drupi, biografia e carriera: chi è il cantante 

Il cantante non ha mai nascosto che quel rapporto andasse parallelamente su un doppio binario e ha confidato tra l’altro: “Tutti continuano a parlare soltanto di me, ma sotto l’etichetta Drupi c’è Dorina”. E infatti non ci sono dubbi che quel rapporto indissolubile ha probabilmente dato vita ai migliori album del cantautore, il quale non ha mai nascosto l’intenzione di tornare alle origini se i suoi dischi fossero andati male.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Drupi in difesa di Mia Martini: “Tutti la schifavano, ora sono amici”

La carriera di Dorina Dato, moglie e ombra di Drupi

Tra i dischi più belli del cantautore, c’è ad esempio “Fuori Target”, scritto proprio da Drupi e Dorina Dato, a quattro mani. Nel disco, uscito nel 2007, c’è il brano E finalmente canto in cui marito e moglie duettano. Si tratta di un disco che prende spunto da un’espressione con cui si definisce la musica che è lontana dai circuiti radiofonici e appunto – come spiega bene il nome dell’album – è fuori target.

La canzone ‘Piccola e fragile’, nata all’inizio della loro relazione, è arrivata seconda classificata a Un disco per l’estate 1974 e al Festivalbar 1974. Ma non solo: perché Dorina Dato ha anche avuto un’interessante carriera da solista nella seconda metà anni Settanta. Difatti, ha inciso il 45 giri, intitolato “Bambino”. Sempre verso la fine degli anni Settanta, ha poi dato alle stampe un nuovo 45 giri, dal titolo “Mi piacerebbe diventare”, quindi il brano “Mi accorgo che”. Schiva e riservata, a lungo non si è mai fatta intervistare.