Legge delega sul Fisco, strappo della Lega: assente al CdM

0
61

Legge delega sul Fisco approvata senza il Carroccio. Draghi: “Salvini spiegherà assenza”. Cosa prevede il provvedimento

Mario Draghi (Getty Images)

Tensione nel governo. L’esecutivo ha dato il via libera alla delega fiscale ma senza il favore delle Lega che è stata assente al Consiglio dei Ministri e precedentemente aveva abbandonato la Cabina di regia sul fisco. Salvini chiede “chiarezza” sostenendo che nella legge non c’è quanto previsto dall’accordo.

Subito dopo l’approvazione c’è stata la conferenza stampa del capo del governo Mario Draghi. Ha detto che nei giorni precedenti c’erano state varie conversazioni e che dunque il contenuto delle legge era ben chiara. L’assenza della Lega “Ce la spiegherà Salvini”.

Legge che sottolinea il premier è appunto una delega, “una scatola che si ispira a certi principi”, ha detto, che sono condivisi dalla Lega. Dunque il CdM ha messo su carta indicazioni generali e che solo successivamente, con altri confronti, la “scatola” sarà riempita.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Politica e finanziamenti illeciti: indagati Fidanza e Jonghi Lavarini

Legge delega, quali sono i contenuti

governo draghi al lavoro per un nuovo taglio delle tasse
Credit: Pixabay

La legge delega ieri approvata è una revisione dell’intero sistema fiscale e prevede, tra le altre, il superamento graduale dell’Irap. È composta da 10 articoli ed entro 18 mesi il governo dovrà approvarla.

Tra gli obiettivi della legge, rilanciare la crescita economica senza aumentare le tasse e attingendo dalla lotta all’evasione. Si vuole “ridurre gradualmente le aliquote medie effettive” dell’Irap.

Per quanto riguarda l’Ires la si vuole cambiare semplificandola e rendendola più simile ad altri paesi europei ma la vera partita si gioca sul catasto perché è lì che c’è stato lo strappo della Lega.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Jennifer trovata morta a 18 anni: sparita da giorni, è omicidio

Nela bozza si legge che a ogni immobile, oltre al valore catastale che viene attribuito oggi, bisognerà dare anche “il relativo valore patrimoniale e una rendita attualizzata in base, ove possibile, ai valori normali espressi dal mercato”. In pratica, sarà attribuito un valore in base all’andamento del mercato immobiliare.